A un passo dalla conferma ufficiale, ecco che il buon Cairo aumenta il prezzo. Fiutando la possibilità di spennare Marotta, ora il cartellino di Ogbonna vale 20 milioni di euro.

Advertisment

Per carità: solo una scaramuccia. Il passaggio di un granata in bianconero dovrà costare caro, e questo è capibile. Ma quanto caro?

Advertisment

Intanto va capita la necessità di spendere anche solo più di 10 milioni di euro per un centrale difensivo non titolare, quando in rosa avremmo Marrone e la possibilità di puntare su un giovane come Masi (“Investiamo sui giovani” è il ritornello che tutti dicono, ma che nessuno poi mette in pratica). Va capita pure la necessità di quale pedina sacrificare per Ogbonna, uno che ha interessanti potenzialità, ma certo alla Juve occorre un pezzo da 90 là davanti. Boakye? Immobile? Io me li terrei buoni per altri affari.

Altra cosa, ben più interessante, è la assoluta necessità di ritrovare un minimo di posizione di forza in termini di calciomercato. Vendiamo a poco (vedi l’offertona di 4 milioni di euro per Felipe Melo) e compriamo a tanto. Salvo gli acquisti di Vidal e Pogba, per il resto non sappiamo mai prendere per il collo chi vende. Una società che vuol tornare grandissima deve per forza imparare a gestire meglio la propria reputazione in sede di mercato.

Cairo, quindi Perez (per Higuain), quindi toccherà presto a Pierpaolo Marino (per Gabbiadini). Con questa tipologia di atteggiamento si va poco lontano. Chiedo scusa, ma ero abituato a un’altra Juve.

Advertisment