Menu Chiudi

4 Giornate alla fine: facciamo un’analisi

Il 13 maggio si concluderà il bellissimo duello con il MIlan, che tanto ci sta appassionando come non capitava dal 2004/2005. Vediamo che impegni toccano a noi e a loro.

Advertisment

Iniziamo ovviamente da noi: nell’ ordine andiamo a Novara, Lecce in casa, Cagliari (a Trieste), Atalanta in casa. Quali le insidie? Il Novara, che all’andata ci fece soffrire 72 minuti per sbloccarla ed ormai è retrocesso ma onorerà la stagione come ha fatto con la Lazio: quindi niente 3 punti regalati… bisogna sudarseli… Il Lecce è e sarà tra 2 giornate in piena lotta salvezza col Genoa, quindi venderà cara la pelle; l’unica cosa positiva è che proverà a vincere e non a fare ostruzionismo, perchè un pareggio potrebbe non bastarle. Cagliari e Atalanta non dovrebbero presentare particolari insidie perchè sono “quasi già” salve, a meno che Lecce e Genoa inizino a macinare vittorie su vittorie.Quindi complessivamente un calendario non difficilissimo, ma da prendere con tutta l’attenzione possibile senza commettere alcuna leggerezza.

Passiamo agli “amici”: loro vanno a Siena, Atalanta in casa, derby e infine hanno il Novara. Per quanto riguarda Siena e Atalanta il discorso è lo stesso delle partite di fine Campionato dove non si ha nulla da chiedere; il Derby vede un’Inter motivatissima a “vincere per se stessa e non per la Juve” (ma a noi interessa il risultato, non le chiacchiere); infine chiudono a Novara (come sopra). Quindi il quoziente di difficoltà sembra essere leggermente maggiore per loro.

Advertisment

Vediamo chi sta meglio: noi, a parte le “gufature” di Allegri (a Trieste prendiamo la bora – o come io spero “vinciamo lo scudetto”, qualcosa succede a Novara, ecc), veniamo da 7 vittorie (di cui solo l’ultima non travolgente), abbiamo la solita immensa lista di diffidati, ma vogliamo e dobbiamo continuare su questi livelli. Importantissimo conservare fino alla fine il cosiddetto bonus di una partita “che possiamo sbagliare”, perchè ci dà maggiore sicurezza e non deve farci giocare con fretta o paura di non farcela a vincerle tutte.

Loro è un mesetto che stentano, hanno perso 7 punti ma grazie ai gol allo scadere nelle ultime 2 gare e agli “involontari” falli di mano di Nesta ancora credono alle loro illusioni ed esultano anche per i gol fantasma (non quello di Muntari ma il finto pareggio del Cesena).

Chi vincerà? Chi avrà più gambe, testa e cuore, tutte caratteristiche che il nostro Mister e la squadra metteranno in campo fino all’ultimo respiro.

Advertisment