Menu Chiudi

Ah, se l’avesse detto Carobbio e no Tavaroli!

Niente, abbiamo più volte sfogliato i giornali in edicola, ma nulla. Poco, magari rifilato a pagina 38, magari con un tono molto pacato, di quelli che si utilizzano nei paesi non liberi dove le notizie, quelle vere, se disturbano certa gente, proprio non si possono dare, se non con un tono molto freddo, quasi ad avvertire il lettore che “meno se ne parla e meglio è”.

Advertisment

Il rapporto Freedom House ha declassato l’Italia nel 2004 a Paese parzialmente libero: a meno di credere a un complotto mondiale, un minimo di verità in questo rapporto ci sarà. Purtroppo all’estero lo hanno capito, mentre il popolo italiano fa ancora finta che tutto va bene, anzi benissimo.

Accade perciò che una notizia vecchia, molto vecchia, venga riproposta a distanza di mesi, anni. In realtà la notizia è nuova per i giornali e per certi italiani, perché quelli che nel 2006 non hanno spento il cervello sapevano già tutto. Perché avevano letto le carte, perché avevano fatto due conti, perché la realtà non può essere distorta.

Al Processo Telecom – di cui avevamo già raccontato una testimonianza clamorosa – Tavaroli conferma quanto aveva già detto fuori dal Tribunale:

Advertisment

L’operazione Ladroni mi venne commissionata dall’Inter nella persona di Moratti, poi la feci con Facchetti.

Nulla di nuovo, si sapeva già tutto. Compreso la falsa testimonianza di Moratti che viene seccamente smentito un po’ da tutti, prima ancora dai fatti.

Non vogliamo tornare sulla vicenda sulla quale ci siamo già espressi, perciò ci limitiamo a sottolineare quanto segue:

Chissà mai se qualcuno risponderà. Ma non importa. Come disse un tizio “Il tempo è galantuomo”.

Advertisment