Menu Chiudi

Aronica corrotto dalla Juventus

Non c’è solo l’Inter a voler togliere lo scudetto alla Juventus. C’è dichiaratamente il Napoli, c’è tradizionalmente di nuovo il Milan, c’è (c’era?) imprevedibilmente la Lazio.

Advertisment

Bene, a quattro minuti dalla fine di Napoli-Torino, prima di essere espulso e finire in ospedale per controlli (a proposito, auguri di cuore, perché il tifo è una cosa e la salute un’altra, molto più seria), Mazzarri fa entrare un difensore in più per mettere sottochiave il prezioso 1-0. Si tratta di Salvatore Aronica, classe 1978 cresciuto nelle giovanili della Juventus che lo fece esordire in serie A a 20 anni sotto la dirigenza Moggi. Che ti fa Aronica? Prende palla, vede Sansone (Torino) solo davanti a De Sanctis, gli fa un assist al bacio e l’incredibile 1-1 è confezionato. Guardare per credere.

Aronica è corrotto. La sera prima aveva ricevuto una telefonata da Moggi. Palazzi è già al lavoro.

Il Napoli perde un’occasione unica per riavvicinarsi alla Juve, è evidente che quello di Aronica non è un errore: c’è del marcio sotto, ovviamente a favore della Juventus.

Nessuno lo ha detto? Va bene, lo dico io.

E anche Bizzarri, portiere della Lazio che è (è stata?) pronosticata da scudetto, giudica fuori un tiro di Gomez e non muove un dito mentre il pallone entra in porta. È l’1-0 del 4-0 di Catania-Lazio. Errore? Macchè, telefonata di Marotta.

Nessuno lo ha detto? Va bene, lo dico io.

Se Moratti dice che al goal di Vidal ha pensato a brutte cose, se Panucci racconta che il fuorigioco di Asa era impossibile da non vedere, se Moratti ribadisce che la mancata espulsione di Lichtsteiner è stata voluta, se Galliani (ringalluzzito) diventa interista ed afferma che il fuorigioco di Asa gli ha ricordato il fuorigioco di Muntari (brucia ancora, Adriano ?), allora anche io dico quello che mi pare e sicuramente cose più credibili.

Nessun errore di domenica è confrontabile con quello di Aronica. Non me ne voglia il ragazzo.

Se gli altri sono stati errori in malafede, Aronica è stato corrotto dalla Juve.

Tutte queste storie per una partita oltretutto persa dalla Juventus?

Ma facciamo ancora paura?

Advertisment

Nessuno a dire che puoi mettere venti arbitri e tanto l’errore umano rimane.

Nessuno a dire che altri errori sono stati commessi quest’anno a favore dell’Inter e del Napoli.

Nessuno a dire che Tagliavento non ha espulso Lichtsteiner perché si è ricordato di averlo prima ammonito frettolosamente (d’accordo errore+errore, ma errore e non malafede).

Nessuno a dire che Chiellini è stato ammonito per non aver fatto assolutamente nulla.

Nessuno a raccontare cosa ha detto Cassano negli spogliatoi tra il primo e il secondo tempo all’arbitro: “Taglia, perché non vuoi parlare? Perché non ci ascolti? Taglia perché fai il fenomeno?”.

Mazzarri a Napoli è stato sicuramente espulso per molto meno. E Cassano ha condizionato Tagliavento che ha poi generosamente assegnato un rigore all’Inter.

E non sto trovando giustificazioni alla sconfitta, che accetto sportivamente, sperando che sia maestra di vita per i nostri campioni.

Basta invece con questa campagna ridicola contro la Juventus.

Tutti sbagliano.

Ma quelli a favore della Juventus non sono errori.

E Aronica allora è un corrotto.

Altro che Carobbio!

 

Advertisment