Menu Chiudi

Bestemmia allo Juventus Stadium: e scatta la polemica

Grazie a una segnalazione di un gentile lettore, ecco che mi ritrovo su un sito che dice di sé “portale sportivo”. Un termine forte se poi si pubblicano simili articoli:

Advertisment

Al 5° minuto del secondo tempo, infatti, è stato possibile distinguere chiaramente, in sottofondo, la voce di uno dei membri della panchina bianconera che richiamava il centrocampista Marrone invitandolo ad alimentare la manovra offensiva.

Una figura deplorevole in primis per l’autore dell’imprecazione, ma anche per la Rai, che lasciato passare con leggerezza l’espressione blasfema, facendo finta di nulla nonostante tutti si fossero resi subito conto dell’accaduto.

[socciermagazine.it - http://www.soccermagazine.it/coppa-italia/anteprima-bestemmia-bianconera-in-diretta-in-juventus-roma-ma-tutti-fanno-finta-di-niente-45906/]

Advertisment

Innanzitutto c’è da mettere in conto che pure il paninaro a bordo campo è in lizza per “l’autore dell’espressione blasfema”, poi c’è da concordare: è un pezzo di satira o l’autore sta parlando seriamente?

Perché se si tratta di satira allora diciamo pure che lo Juventus Stadium è un luogo violento, dove migliaia di manifestanti comunisti si ritrovano per strane pratiche rituali (tipo sventolare una bandiera bianconera, cantare un inno prima della partita, cantare “Alessandro Del Piero olé…” e festeggiare ogni santo gol).

Viceversa, se si tratta di pezzo serio, viene da chiedersi il motivo che ha spinto l’autore a occuparsi “di una vocina che si sente sullo sfondo e di cui non si distingue l’autore, né la provenienza”. Ma anche quando questa è la dimostrazione… di cosa? Dove vuole arrivare l’autore?

Probabilmente sarà rimasto ferito dai 3 gol, dalla prestazione bianconera, ma prenda esempio da Collovati: lui ha incassato per tutto il match in doloroso silenzio, con quella voce fioca e cruda, costretto a dispensare elogi nei confronti dei bianconeri. Nella vita… bisogna saper perdere.

Advertisment