Advertisment

Advertisment

I fan di Breaking Bad, premiatissima serie TV USA, avranno sicuramente capito il titolo di questo articolo. Better Call Saul è infatti il motto di Saul Goodman, avvocato dalle molteplici risorse, non ultima quella di tirare fuori dai guai i suoi clienti nei modi più disparati.

Perché parlare di questo personaggio dunque? La risposta è abbastanza semplice. Pochi minuti fa, la FIGC ha pubblicato le sentenze relative ai ricorsi presso la Corte di Giustizia Federale.

Nonostante l’aggiunta della “Top Player” avv. Giulia Bongiorno, la corte presieduta dal giudice Mastrandrea ha confermato la squalifica di mesi dieci per il nostro condottierio Antonio Conte, ridotto a mesi sei la squalifica di Angelo Alessio e confermato i proscioglimenti di Bonucci e Pepe.

Chiunque abbia seguito le arringhe dei legali di Conte, è rimasto piacevolmente colpito e, soprattutto, convinto dalle argomentazioni proposte: gli avvocati infatti sembrava avessero colto nel segno, evidenziando tutte le contraddizioni del Divino Carobbio. Eppure non è bastato, anzi. Leggendo il dispositivo diffuso sul sito ufficiale della FIGC, le domande aumentano:

La C.G.F., in parziale riforma della decisione impugnata, proscioglie il sig. Conte Antonio in relazione all’incolpazione relativa alla gara Novara/Siena dell’1.5.2011 e, rideterminando la sanzione, infligge la squalifica di mesi 10 in relazione alla gara Albinoleffe/Siena del 29.5.2011.

Quindi è caduta l’imputazione per la partita Novara – Siena (quella della famosa riunione tecnica…) mentre viene confermata quella per Albinoleffe – Siena. Non è tutto, viene tolta la reiterazione, la pena viene rideterminata e, per una sola omessa denuncia, Conte si becca comunque i dieci mesi del primo grado. E tutto continua a colorarsi di farsa, perché l’allenatore degli Invincibili questa stagione non DEVE sedersi in panchina. Così è stato deciso nelle stanze dei bottoni romano-milanesi. Quando la Juventus vince, bisogna trovare subito un modo per danneggiarla. Questa volta è toccato al migliore allenatore d’Italia…

E qui torniamo all’inizio dell’articolo, con il nostro Saul Goodman. Il buon Saul sarebbe riuscito a far prosciogliere Antonio Conte?

La risposta è no: con questa (In)Giustizia Sportiva alimentata da una malsana anti-juventinità, nemmeno il più “furbo” dei legali televisivi potrebbe vincere in aula.

Advertisment