Menu Chiudi

Buffon non vuole parlare di Calciopoli: ma perché?

La settimana che porta al derby d’Italia è corredata da dichiarazioni a metà fra il ridicolo e la malafede. La cosa curiosa è l’uscita di Gigi Buffon, uno che la Juve l’ha conosciuta, uno che la Juve l’ha amata e l’ha sposata. Anche nel 2006 quando un furbone petroliere decise di distruggere una delle rose più forti in assoluta nella storia bianconera.

Advertisment

Non si può prescindere da Calciopoli quando si affronta l’Atalanta di Milano. Un paio di anni fa la Juve schierava Buffon-Zebina-Thuram-Cannavaro-Zambrotta-Camoranesi-Vieira-Emerson-Nedved-Trezeguet-Ibrahimovic e vinceva 2-0 con gol di Trezeguet e Nedved su punizione. Oggi Del Neri – Del Neri e non Capello – ha un paio di dubbi: Toni o Del Piero in attacco? E poi chi fra Motta, Grygera o Sorensen a destra? Marchisio recupera o bisogna virare su Martinez?

Caro Gigi Buffon, come puoi accantonare in un modo così semplicistico l’argomento Calciopoli? Solo tenendo vivo il ricordo di quanto accaduto la Juve potrà ritrovare quanto distrutto nel 2006.

Claudio Ranieri, al debutto sulla panchina bianconera, poté contare su due soli uomini per sfidare una buffa corazzata guidata da Piagnisteo Mancini: Del Piero e Trezeguet. Due che insieme hanno collezionato qualcosa come 300 e passa reti. Due che la Juve l’hanno costruita e resa vincente e costretti a scendere in B con un paio di ragazzini al seguito e un ex-compagno di giochi in panchina (al secolo Didì Deschamps). La prima sfida del dopo Calciopoli finì 2-1 per la Juve con evidente imbarazzo nerazzurro per essere stati massacrati proprio sul profilo agonistico. Poi toccò a Ferrara sfidare la Seconda Squadra di Milano. Il Ciro bianconero aveva ormai i giorni contati e piazzò la vittoria puntando più sulla rabbia che sulla qualità. In tutte le altre sfide la Juve ha sofferto le conferenze stampa assurde di Ranieri o la prudenza di atteggiamento della Vecchia Società e cioè di Cobolli o Blanc.

Advertisment

Allora mi piacerebbe sapere cosa c’entrano frasi di questo tipo:

Quanto all’Inter, quando la incontro penso solo di incrociare la squadra più forte del mondo.

Quando si sa che la Squadra più forte del mondo è la Spagna o il Barcelona. Opera di lecchinaggio indegna, specialmente per chi la Juve l’ha conosciuta per davvero.

Ricorda Gigi che se il mercato di Marotta è fatto da Pepe e Sorensen, da Traoré a Martinez è proprio in virtù di Calciopoli. Ricorda che se la Champions è solo un miraggio è proprio in virtù di Calciopoli.

Advertisment