Menu Chiudi

Cagliari-Juventus: le probabili (in)formazioni

Fra statistiche e numeri, fra palco e realtà. La Juve scende in campo stasera per l’ultima volta nel 2012, un anno che difficilmente i tifosi bianconeri dimenticheranno. Un anno pieno di glorie e con un unico neo: quella finale di Coppa Italia che magari a Napoli vorranno ripetere…

Advertisment

Tutti pronti a Torino, in trasferta a Parma perché il campetto di Cellino soffre di inagibilità a targhe alterne. Adesso scaricare la colpa su Marotta appare davvero imbarazzante, come la figura che ci fa il Cagliari di fronte al proprio pubblico. Attecchirà pure quest’altra scusa?

Advertisment

Giovinco e Quagliarella in avanti, mentre Caceres sostituirà Chiellini sul centro sinistra. Formazione che assomiglia a quella tipo, tranne qualche piccola defezione fra cui pure Vucinic. Un fastidio al tendine che Conte risolverà usando prudenza: partirà in panchina il genio del Montenegro e poi subentrerà nel secondo tempo qualora se la sentisse e ce ne fosse bisogno. Chance importante per Eta Beta che deve dimostrare di aver esaurito la sbornia.

Asamoah e Lichsteiner dovranno asfaltare le due fasce. Quanto mancherà l’esterno sinistro durante la Coppa d’Africa? E perché Muntari può rinunciare e lui no? Il mercato invernale dovrà consegnare a Conte un uomo affidabile sulla sinistra.

Possibile chance anche per Matri, solo nel secondo tempo. Chiudere l’anno solare con 2 marcature potrebbe portarlo alle soglie di Amauri: o Alessandro risolve i problemi di personalità e incisività, o a gennaio è possibile un cambio di maglia, soprattutto se Marotta dovesse mettere le mani su qualche big-top-player.

Cagliari-Juventus: fuori Vucinic, dentro Quagliarella

Cagliari-Juventus: fuori Vucinic, dentro Quagliarella

Advertisment