Menu Chiudi

Calciomercato Juventus: preso il top player Daniele “Attesa”

Un top player di quelli che mettono i brividi. Dopo molti mesi di calciomercato abbiamo ormai imparato a difenderci. Giornali a parte, che devono pur scrivere i loro articoli per attirare i lettori, molti tifosi bianconeri sono in attesa di capire di più su ciò che sarà la Juve dei prossimi anni. Almeno la Juve 2013/2014.

Advertisment

La permanenza di Conte, su cui pesa la disponibilità societaria a garantirgli una rosa all’altezza delle sue enormi potenzialità, è legata quasi indissolubilmente al mercato di queste prossime settimane. O gli consegnano una Juve forte già sulla carta, o il prossimo anno rischiamo di dover decidere a quale tecnico affidare la nostra squadra del cuore.

“Questa è una Ferrari a cui hanno messo diesel nel motore” esclamò molti mesi fa Andrea Agnelli. Ora abbiamo una Ferrari con un motore potentissimo e un pilota formidabile (Antonio Conte), ma occorre la migliore benzina possibile e non più diesel.

Advertisment

Higuain? “Dobbiamo attendere il Real Madrid” ha risposto Marotta. Tevez? “Il Manchester City non lo vende”. Jovetic? “E’ un giocatore interessante, ma è di proprietà della Fiorentina”. Suonerebbero come diplomatiche se non fosse che Marotta non riesce a stanare i suoi avversari. Diplomazia ed educazione non hanno mai fatto vincere al torneo del calciomercato. E la Juve ha dimostrato di avere davvero poche armi in tal senso.

La verità sui tre giocatori sopra menzionati è semplice: Higuain si è messo sul mercato da solo e ha accettato l’offerta bianconera, Tevez è in vendita e il prezzo si aggira sui 10/12 milioni di euro, Jovetic ha praticamente chiamato la Juve a farsi avanti con i Della Valle forte del suo desiderio di essere allenato da Conte.

Tre assist a cui Marotta non sta rispondendo nel modo più corretto. Beppe: o ora o mai più. E il mai più potrebbe significare vanificare tutto il buon lavoro svolto finora. Buon lavoro che sarebbe ottimo se solo si riuscisse a prendere uno dei tre fuoriclasse sopra menzionati. Di certo c’è che non possiamo proprio attendere.

Advertisment