E’ sempre tempo di calciomercato. L’ultima news, in ordine di tempo, è quella che riguarda Mirko Vucinic. Il pupillo di Conte, fortemente voluto al suo primo anno di Juve, ha una posizione tutt’altro che solida. Complice l’esplosione di Llorente e Tevez, complice un oggettivo bisogno di rinnovamento in attacco.

Advertisment

Complice anche il fatto che a Mirko viene rimproverata un’indisponenza che si presenta molte volte durante una stagione. Classe pura, grande tenacia, ma ogni tanto il livello di concentrazione cala al punto che il voto in pagella è inferiore al 5. Imperdonabile per uno con una tecnica come la sua.

All’orizzonte si profila uno scenario di mercato interessante. Vucinic in Inghilterra per arrivare a Lamela, l’argentino che la Roma ha valorizzato e poi venduto per 30 milioni di euro. Villas Boas lo ha voluto, ma la stagione ha preso una strada che all’ex giallorosso non va bene. Solo 17 presenze, e nemmeno tutte da titolare, e un solo gol all’attivo. La nostalgia della Serie A è forte. La Juve potrebbe essere una soluzione molto gradita.

Advertisment

Un attaccante per un trequartista: quale idea tattica?

Vucinic è il perfetto regista d’attacco. Forte coi piedi, ottimo assistman e poi realizza comunque gol pesanti, magari non tantissimi. Può occupare tutte le zone d’attacco e per Conte ha giocato pure da ala in un 4-5-1 stranissimo, nella prima stagione dello Juventus Stadium.

Lamela è invece il trequartista buono da far partire da posizioni esterne, preferibilmente da sinistra, e attaccante aggiunto. Grande tecnica nel dribbling, buon assistman. In Italia, in realtà, lo conosciamo per l’arte di partire da destra e accentrarsi per cercare il mancino. Non è un goleador, ma nella sua seconda stagione in giallorosso ha comunque messo a segno 15 reti. Non male.

Fosse confermato l’interesse per Lamela, appare ovvio la necessità di rincarare la dose sulle fasce laterali. Prima Nani, sogno di Conte, poi Menez, ora Lamela. Per l’argentino resta il problema economico: non l’ingaggio, ma certamente quei 30 milioni sborsati dal Tottenham rappresentano un ostacolo importante. Attendiamo aggiornamenti, e crediamo che la trattativa difficilmente possa sbloccarsi in questa sessione invernale. Verosimilmente, se ne riparlerà a giugno.

Advertisment