Menu Chiudi

Calciopoli 2: la farsa continua

La chiusura della seduta odierna è stata la seguente:

Advertisment

[...] Concede il termine improrogabile di 45 giorni e dispone per martedì prossimo la citazione di tutti i testi indicati.

A pronunciare queste parole il Presidente Casoria e la concessione è riferita a Porto, il perito che a quanto pare sta facendo molta fatica a trascrivere le intercettazioni che sono state richieste dalla difesa Moggi.

Ormai sono mesi che si procede di rinvio in rinvio, anche se è ormai chiaro a tutti l’enorme difficoltà in cui versano i Pubblici Menestrelli e l’Accusa, ridicolizzati più volte da testimoni e da documenti e da fatti che, in soldoni, smontano del tutto l’impalcatura che reggeva Calciopoli. Ma non c’è mai fine all’idiozia.

Advertisment

Si è perso il conto di quanti sono stati i testimoni che si sono seduti nelle aule di Napoli davanti a PM e Avvocati delle varie Difese. L’unico conto certo è la totalità dei testimoni che, tecnicamente, hanno confermato le ipotesi delle difese. Tutte le difese tranne quella di Meani, lo stagista milanista che per conto di Galliani intimava di non alzare la bandierina pro-Milan o a non fischiare determinate situazioni contro-Milan.

E allora si procederà a un ulteriore slittamento per supplemento di perizia. E’ infatti necessario capire i vari dialetti usati da chi è stato intercettato e se, chi parlava, aveva la febbre o si trattava di semplice tosse o raffreddore. E’ altresì fondamentale ricontare il numero di avverbi utilizzati e la quantità di aggettivi e gerundi che sono stati pronunciati nel corso delle telefonate. E se così non fosse non si riesce a capire la natura dei problemi del Perito Porto, profumatamente pagato per un lavoro condotto male e in ritardo. Da qui nascono alcuni dubbi: si vuole slittare per quale motivo?

Di certo non all’infinito, altrimenti si rischia una guerra civile di gente incazzata quali tifosi bianconeri e parte dell’attuale dirigenza. E bisognerà avere una risposta netta e precisa entro l’inizio del prossimo campionato.

Nel frattempo altri testimoni sono stati chiamati dai Pubblici Menestrelli. Dopo i 300 personaggi che non hanno saputo confermare le accuse di Narducci e Moratti, ecco che debutteranno in scena Gianfelice Facchetti (davvero leggerà i diari del padre? Perché se è così anche io ho appuntato negli ultimi anni strani eventi che si sono susseguiti nel Torneo Aziendale) e – udite udite – Nucini. Quest’ultimo è un’anomalia che in Matrix non ha eguale: da imputato a testimone. Primo caso al mondo di elevamento alla meno uno della giustizia sportiva. Quindi Corbelli, Zamparini (che dovrebbe pure giustificare le uscite di testa di quest’anno), Baraldi e Minotti.

Se anche questi non riuscissero a dare una scossa al Presidente Casoria, allora si procederà a chiamare in ordine alfabetico i residenti nel territorio italiano cui verrà chiesto “Barabba o Luciano Moggi“. Il precedente non è incoraggiante!

Advertisment