Menu Chiudi

Calciopoli: deposizione choc di Bertini

Oggi è difficile scrivere un pezzo su Calciopoli. Oggi più di ieri, perché finalmente qualcuno si è sbilanciato. Perché anche la Casoria non ne può più di certe cazzate propinate come profonda realtà solo per compiacere a pochi cialtroni ancora vivi e vegeti nel mondo del pallone. Perciò non posso fare altro che pubblicare un piccolo estratto dalla deposizione spontanea di Bertini, ex arbitro affiliato alla Cupola, talmente amico dei bianconeri che:

Advertisment

Advertisment

[...] Non ho mai fatto parte di alcuna associazione a delinquere, mi è suonato alieno essere accostato ad una fattispecie così. Potevo essere associato a una non associazione: ogni partita si è sottoposti a critiche, i club sono sempre scontenti. Ogni gara si crea una non associazione: anche con Moggi e la Juve era una non associazione perché anche la Juve così come tutte le squadre arbitrate sono state scontente del mio operato e di altri. Perché è normale sbagliare: l’arbitro va in campo e sbaglia, a volte non sbaglia ed è criticato lo stesso, spesso ingiustamente. L’errore dell’arbitro è tanto più rimarcato se messo in comparazione con le immagini tv, quella è un’altra partita, un’altra realtà: l’arbitro non potrà mai essere comparato con un sistema elettronico di 30 telecamere. Quindi io ho sbagliato, ma l’ho fatto ovviamente pensando di fare bene, all’istante, non per svantaggiare o avvantaggiare qualcuno. L’ho fatto anche contro la Juve. Anche a favore e contro le squadre in competizione con la Juve. Quando mi hanno accusato non s’è preso in considerazione che nel 2004-2005 per aver arbitrato 5 partite, 3 delle quali della Juventus, la Juve con me ebbe una media punti inferiore del campionato, con me meno punti che con gli arbitri qui. Con me il Milan, il competitore, ottenne più punti della Juve e più punti della sua media punti. Per essere uno dell’associazione ci sono dati che non tornano.

Passo e chiudo!

Advertisment