Menu Chiudi

Calciopoli: l’imputato vuole il processo, il presunto onesto no. La verità nascosta!

Ci deve essere un caspita di motivo.

Advertisment

Soprattutto ci deve essere una ragione per la quale TV e giornali continuano nella loro opera di insabbiamento (mal riuscito) e di mistificazione della realtà.

In ogni caso ci deve pur essere una maledetta giustificazione a uno dei paradossi più crudi di questa strana Italia: perché l’imputato vuole il Processo, mentre chi ha sbandierato la propria onestà scappa e addirittura rifiuta ogni tipo di confronto?

I conti evidentemente non tornano.

Solitamente chi ha qualcosa da nascondere vuole rifuggiarsi in qualche luogo sicuro, lontano da indagini, lontano da verifiche, lontano da processi e sentenze.

Chi ha la coscienza pulita, invece, tenta con tutte le proprie forze di andare a spulciare la verità, vorrebbe fosse gridata a tutti: “vedete, sono innocente, sono stato vittima”. Ma in Calciopoli questo che è un meccanismo lapalissiano viene completamente rovesciato.

Advertisment

Il mostro, tale Luciano Moggi, addirittura si è dovuto difendere da tentativi di far cessare anticipatamente il Processo. Narducci ha tentato più volte (ben 3) di ricusare un Presidente che è veramente al di sopra delle parti. Moratti non ha mai rischiato, nemmeno per errore, di rispondere a qualche semplice domandina.

Il dubbio, atroce, è perciò il seguente: se sei pulito, onesto e non hai nulla da nascondere… perché scappi dalla Giustizia? Perché non prenderti una ulteriore rivincita andando a Processo? Cioè rispondendo alle domande, dimostrando la propria innocenza, quindi onestà, e portando a casa la più bella, la più grande, la più giusta vittoria?!

Niente di tutto ciò. La Russa, il Ministro intertrista che viaggia a spese mie e con tutto quello che c’è da fare va a seguire la sua squadra del cuore, quasi fosse un pizzicarolo qualunque e non già un Ministro della Repubblica Italiana, tenta di far chiudere il Processo, Narducci scappa e va a fare addirittura l’assessore, Moratti non risponde e si rifuggia dietro una prescrizione preconfenzionata. La FIGC… beh lasciamo perdere.

Allora, chi risponde a questa domanda? Perché Moggi vuol fare il Processo e chi si sente onesto scappa? E’ lecito, oppure no, pensare che le difese abbiano smascherato la farsa? E’ lecito, oppure no, pensare che in realtà onesti e innocenti si siano appiccicati addosso aggettivi assolutamente errati?

E perché mai il gruppo RCS e i vari organi – cosidetti – di informazione tacciono su una realtà palesatasi in modo così eloquente?

Cui prodest non emettere sentenza?

Advertisment