Menu Chiudi

Caro Marotta ti scrivo…

Il titolo riprende la famosa canzone del grande Lucio Dalla, e anche io scrivo a Beppe Marotta per distrarmi un po’.

Advertisment

Siamo partiti da una certezza in questo mercato: serviva il top player. Cioè, serve il top player. E la stagione della Juventus ha detto che l’investimento importante bisognava farlo in avanti. Tantissimi i papabili a ricoprire il ruolo di stella nella Juventus: da Suarez a Higuain, da Van Persie a Cavani. I tifosi hanno iniziato a sognare. Soprattutto perchè il tanto desiderato top player doveva già arrivare nella scorsa stagione.

Eravamo partiti da Aguero, poi siamo passati a Giuseppe Rossi, fino ad arrivare a Vucinic. Risultato: mezza delusione, visto che Mirko non era considerato un top player. E io tuttora non lo considero tale. Ora che siamo tornati in champions, il top player non è più una possibilità, ma una necessità. Il bomber, o comunque l’attaccante di caratura internazionale ci vuole: non possiamo affrontare tre competizioni con Matri e Quagliarella. Certo abbiamo ripreso Giovinco, ma la sua consacrazione non è ancora avvenuta.

Advertisment

Tenendo anche conto che abbiamo speso undici milioni per un giocatore che era nostro. La mia critica non è al mercato in se. Già presi Isla, Asamoah, Pogba, Giovinco, Leali. Un mercato fatto di buonissimi giocatori, anche giovani, e quindi di prospettiva. Ma non posso accettare che i tifosi della Juve siano presi in giro per il secondo anno di seguito. Fino all’ultimo abbiamo sperato l’anno scorso. E ora la storia di ripete.

Essere chiari, nei confronti dei tifosi, è un grande atto di responsabilità. Non possiamo scendere ai livelli del Milan, che fa il mercato al contrario dicendo “non vendiamo nessuno” , invece di dire “prendiamo qualcuno”. Perchè al di la del contenuto, il significato delle due situazioni rischia di essere lo stesso: scarsa chiarezza nei confronti dei tifosi. Tutto questo è stato avallato dalle parole di Marotta oggi: “Non serve un top player”. Allora qual è il senso dei numerosi annunci fatto nei giorni precedenti? Mi sa tanto di terza stella: a Trieste era stata annunciata dallo stesso Marotta, ma non è arrivata. Illudere i tifosi, ma a che pro? Si ottiene l’effetto contrario.

Per questo ritengo che a volte le parole vadano pesate, soprattutto se sei un dipendente della società Juventus. Non sei in una società qualsiasi, ma nella società che ha fatto la storia del calcio italiano. E ora che siamo tornati, vogliamo riprendersi quello che ci hanno tolto. Vogliamo riprenderci il rispetto di un tempo. A partire da chi ci rappresenta: la gente della Juve dev’essere rappresentata da gente con le palle.

Advertisment