Menu Chiudi

Categoria: Viareggio 2012

Juventus Campione al Torneo di Viareggio 2012

Abbattuta la Roma con l’ennesima prova di forza e maturità. A 48 ore dalla sfida col Parma, i giovani bianconeri si sono imposti pure sulla Roma, forse la vera seconda forza dell’intero torneo.

Advertisment

A segno Beltrame, che ha confermato un bagaglio tecnico non indifferente, e Padovan. Al di là dei marcatori, la Juventus continua spedita nel processo di allevamento di giovani talenti.

Spiccano, su tutti, i nomi di Bouy, Chibash e Appelt, senza dimenticare il Golden Boy Spinazzola, l’ala De Silvestro e una difesa granitica.

Il lavoro di Baroni è eccezionale e c’è qualcosa della filosofia di Antonio Conte. La squadra non butta via mai il pallone e preferisce ripartire senza il lancio del portiere, ma con il solito tiki-taka. Il centrocampo è di un altro livello rispetto ai pari età. Forza fisica e proprietà tecniche sono nettamente superiori a ogni altra formazione fin qui affrontata.

Advertisment

Vince la migliore, vince la squadra che ha monopolizzato le sei precedenti edizioni negli ultimi 9 anni. Un ruolino impressionante che la dice lunga sul lavoro svolto dallo staff di Moggi prima, e dal duo Marotta-Paratici adesso.

Chibash e Bouy e Appelt la dicono lunga sull’opportunità che la Juve si è concessa di andare a prendere i migliori talenti internazionali, anche se il primo proviene in realtà da un club italiano. Privilegiato comunque il nostro Paese con i vari Spinazzola e Beltrame, De Silvestro e Liviero, Ruggiero (infortunato agli ottavi) e Padovan e Libertazzi.

Molti di questi ragazzi li vedremo presto in A o in B, sperando che qualcuno di loro possa far parte della futura banda di Antonio Conte. Io intanto qualcuno lo proverei, tipo Chibash e Bouy.

P.S.

Molto da ridire sulla conduzione della telecronaca RAI. Un Gianni Bezzi da funerale dopo i gol bianconeri, mentre molto più vispo al gol giallorosso (nonostante la sua fede laziale). E un Facco da paura per come ha gufato lungo tutti i 90 minuti. Il Viareggio merita molto più rispetto di rosicate e simili figure ben lontane dal giornalismo sportivo obiettivo e pluralista.

Advertisment

Torneo di Viareggio 2012: Juve in semifinale

Contro il Parma, toh il destino! La semifinale che darà accesso alla finalissima del Torneo di Viareggio 2012 sarà Juventus-Parma.

Advertisment

I ragazzi di Baroni si sono conquistati sul campo… toh, il destino… questo diritto battendo il Club Guaranì.

Uno sfogo deve essermi concesso. Guardo da sempre il Viareggio, cioè da quando hanno deciso di trasmetterlo in TV. Lo seguo perché mi piace la filosofia, perché anche io ho giocato a calcio da piccolo, perché credo sia il calcio più bello, più vero, dove la passione di tanti ragazzi con un sogno, tutti lo stesso sogno, la fa da padrone a contratti, sponsor e soldi in banca.

Advertisment

Ecco perché non capisco l’aver invitato il Club Guaranì. Hanno fatto sfracelli in questo torneo e non nel senso tecnico del termine. Credo abbiano in parte falsato, o almeno pesantemente condizionato il loro girone di qualificazione. Volgari e maledettamente provocatori, cattivi ai massimi livelli. Esiste un termine, ma è poco elegante, e quindi non lo scriverò, ma è quello che penso di loro. Calci e calcioni, manate e perfino sputi in faccia. E’ questo il torneo che dovrebbe edificare?

Per fortuna Mister Baroni deve essere proprio una bella persona: più che dispensare consigli tattici, per 90 minuti ha incessantemente pregato di non rispondere alle provocazioni e al fischio finale ha letteralmente raccolto giocatore per giocatore rinchiudendoli in una sorta di recinto umano vicino la panchina bianconera. Questo per evitare la rissa che è quasi scoppiata contro il povero arbitro. Mi auguro di non rivedere più una simile formazione.

Per il resto, una Juve che è andata sotto, sorpresa da in contropiede, e che poi ha mostrato la solita maturità. Ottima velocità in fascia, con buona tecnica dei vari De Silvestro e Beltrame, e chi dei centrocampisti si allarga per tentare di sfondare. Ottimi i centrocampisti centrali, specialmente i due nuovi acquisti Gabriel Appelt e Bouy. Che gran gol quello dell’olandesino che ha chiuso i conti sul 3-1. Dopo il gol l’espulsione di Padovan: per aver calciato la palla già finita in rete. O forse per aver detto qualcosa al portiere avversario che l’ha rincorso minacciosamente per un paio di metri. Brutte scene, davvero brutte indipendentemente dalla maglia indossata.

E ora in semifinale il bomber Padovan non ci sarà, e purtroppo nemmeno il talentino Ruggiero infortunato (ne avrà per 40 giorni). La Juve è ancora presente, mentre altre formazioni, le solite, sono già abbondantemente fuori… toh, il destino!

Advertisment

Torneo di Viareggio: Juve ai quarti

Beltrame sul dischetto. Rincorsa, tiro e goal. Che vale la qualificazione. La Juventus avanza nel Torneo di Viareggio e attende il sorteggio.

Advertisment

Più difficile del previsto, gli uomini di Baroni hanno avuto la meglio del Vicenza soltanto dopo i calci di rigore.

Advertisment

Andata in svantaggio su un rigore del Vicenza, la squadra ha saputo reagire con maturità. Ragionare, ragionare, ragionare. Il tasso tecnico era evidentemente più elevato: Gabriel Appelt fatica a inserirsi nei meccanismi, mentre l’altro acquisto è stato lasciato a riposo (Bouy). Pareggio che arriva sul finale di primo tempo con un grandissimo tiro dalla distanza di Beltrame. Nel secondo tempo scambio di maglia: a centrocampo si piazza l’olandese arrivato dall’Ajax, fuori il brasiliano che si rifarà di certo.

Ironia della sorte a decidere la sfida sono i due ragazzi andati in gol nei minuti regolamentari: Pastorino, che aveva realizzato il momentaneo 1-0, si farà parare il penalty, mentre Beltrame non perdona.

Ora i quarti dove non ci sarà l’Inter eliminata dal Parma. Certo che a Milano… 

Advertisment