Menu Chiudi

Cavani: De Laurentiis non dice no

Si aggiunge una tessera importante nel panorama del calciomercato. Il Presidente De Laurentiis non ha detto “no” a una cessione di Cavani, lanciandosi in quella che sembra una messa in vendita quasi ufficiale:

Advertisment

Di fronte ai pazzi bisogna stare attenti ma io dico sempre vedere moneta, dare cammello e io questa moneta non la vedo mai.

Per carità, è un uomo straordinario il De Laurentiis: cambia faccia e opinione quanto meno te lo aspetti e le sue uscite hanno sempre un colore molto vivace, ai limiti fra il ridicolo (la ricordate quella sui calendari? E sul torneo europeo che lui voleva organizzare? E sui sorteggi di Champions?) e il comico (tipo la fuga in motorino o le contraddizioni su Calciopoli). Per cui sì: stiamo attenti con lui!

Interpretando le sue parole cogliamo un senso preciso: non ha intenzione di scucire ulteriori soldi, un trofeo l’ha portato a casa, la Champions è sfumata (almeno non si lamenterà del sorteggio), mentre la Europe League non è così ben vista (toglie energie al campionato). C’è da capire che farà Mazzarri, cosa offre il mercato e quali offerte arriveranno.

Dovrà digerire la partenza di Lavezzi e questa cessione è molto pericolosa. Se Hamsik ha giurato amore eterno (più o meno lo stesso che ha rischiato di farlo vestire il rossonero quest’estate), Cavani non ha seccamente smentito una sua partenza.

Advertisment

Freschissime le dichiarazioni “qui spacco tutto se non mi lasciano andare alle Olimpiadi”. Il ragazzo sa bene che a Napoli potrà ancora segnare una ventina di gol, ma che non varranno mai traguardi importanti. E l’entourage è pronto per il grande salto. Conte sta lavorando da qualche settimana con gli agenti dell’attaccante: per il tecnico leccese lui e Vucinic rappresenterebbero la coppia delle meraviglie. Che ne pensa Cavani?

Passiamo ai fatti e alle cifre. La Juve può mettere sul piatto un attaccante come Matri. Entreremo più tardi nel discorso delle cessioni, perché il reparto avanzato merita molto più che una riflessione. Oppure potrebbe seriamente inserire Giovinco nelle contrapartite da offrire al Napoli. Più ovviamente un conguaglio. A un ragazzo ancora giovane, con oltre 20 reti a stagione (approssimate per difetto), che è perfettamente consapevole della realtà italiana, e che vuole sfondare si possono poi concedere i famosi 5 milioni di euro per un top player (in realtà la prima proposta sarà di 4 milioni, il doppio di quanto percepisce oggi al Napoli).

La valutazione complessiva del cartellino di Cavani non sforerà i 30/35 milioni verosimilmente, anche perché in Europa le big sembrano aver mollato la pista Cavani. Piuttosto si lanciano sui vari Higuain (PSG), Van Persie (ManUTD e Barcelona) e Neymar. Questo faciliterebbe la posizione della Juve che ha comunque tempo per riflettere.

Inutile dire come Cavani sarebbe perfetto nello scacchiere di Conte: potrebbe agire da prima punta, ottimo nei movimenti, buono l’istinto in area di rigore, ottimo a livello tecnico per giocare coi compagni e per i compagni. E magari portasse in dote qualche decina di gol, come gli attaccanti bianconeri non hanno saputo fare in questa stagione.

La moneta sembra esserci, De Laurentiis ci farà vedere il cammello?

Advertisment