Menu Chiudi

Chievo-Juventus 1-2 Una scrollata e si torna primi

Una scrollata, un scossone e si torna primi. Da soli, rigorosamente da soli perché abbiamo molto poco da condividere. Specialmente con chi grande lo è stato solo una o due volte in tutta la sua vita di calcio.

Advertisment

Non così semplice. Meglio: solito dominio, a tratti anche imbarazzante, ma solita maledetta incapacità di  chiudere la partita o addormentarla del tutto. In questo periodo la Juve riesce a dare ossigeno ai morti. Anche su un doppio vantaggio limpido e che stava pure stretto. Chissà perché.

La perdita degli equilibri difensivi (che l’assenza di Chiellini abbia determinato così tante insicurezza?) è pari solo alla qualità di costruzione delle azioni gol. Solo che poi, una volta arrivati là davanti, la Juve si perde e non chiude mai. O per imprecisione o per incapacità.

La differenza la sta facendo Vidal, con le incursioni, con i gol e con gli assist. Ma dopo averlo anche pesantemente e giustamente criticato oggi bisogna rendere merito e onore ad Alessandro Matri. Gol da paura, non solo perché il tiro al volo è da manuale, ma per il movimento da attaccante vero che ha ispirato Vidal e poi per una intera partita di sacrificio. Questa è la prima punta che piace a Conte, ma ad Alessandro Matri noi chiediamo: puoi per favore non fermarti più? Perché il rischio di commentare un’altra partita simile solo fra moltissime settimane è alto.

Advertisment

Preoccupa invece l’involuzione di Giovinco. Lontano dalla porta fa bene, ma poi mano a mano che si avvicina comincia a diventare nervoso, a perdere di lucidità e quindi a sprecare l’inverosimile. Curiosi di vedere Anelka, speranzosi che Vucinic torni a incidere come sa, per Giovinco lo spazio rischia di diminuire sempre più. A partita cominciata il suo ingresso potrebbe essere molto prezioso, a meno che Conte non decide di regalargli un nuovo ruolo.

Se Matri è stato autore di una prova superba e Vidal si conferma guerriero fra i guerrieri (e mi viene da ridere quando qualcuno pensa che la Juve possa privarsi di uno come lui), una menzione speciale la merita Lichtsteiner. Il trenino svizzero è ripartito. Una specie di concorrenza per Italo di Montezemolo: asfalta fascia e avversari e memore di Pepe finalmente prova pure ad accentrarsi. E allora prendete nota. L’accentramento di Lichtsteiner ha provocato:

  1. un gol su splendido servizio di tacco di Giovino;
  2. una bellissima azione conclusa a lato dallo svizzero (subito dopo aver segnato);
  3. un miracolo del portiere clivense su lancio di Pogba;
  4. un fuorigioco che non c’era quando lo svizzero era ancora una volta solo contro il portiere avversario.

Sono sempre più convinto che la Juve ricomincerà a correre davvero e a dare spettacolo quando tornerà abile e arruolabile Simone Pepe. Intanto godiamoci una buona Juve.

P.S.

La direzione di manovra di Pirlo è francamente incommensurabile. Questo giocatore proveniente da Brescia ha qualcosa che gli altri non hanno: una classe senza pari. Bentornato Andrea!

Advertisment