Non invidio, in questo momento, il tifoso romanista: preferisco salvaguardare il cuore! Battute a parte la stagione della Roma la dice lunga su un campionato talmente strano da non sembrare vero. Sembra una di quelle stagioni di un gioco per computer, quando i valori di un paio di calcoli fanno sì che squadre modeste giochino da big e big con problemi di bilancio e bilanciamento valori si trovino in difficoltà. Ma il mondo reale è molto complesso. Oggi qualcuno darà a Ranieri delle magie che Ranieri non possiede. Grande cultore della disciplina e del lavoro il tecnico romano è incapace di gestire situazioni da vertice. Per esempio: ha indovinato i cambi, diranno oggi quei giornali che condannano tuttora la Juve e Moggi. Ovviamente è completamente diverso il discorso reale: Ranieri ha toppato clamorosamente l’approccio negli undici e nell’atteggiamento. La prova di tutto è Menez. Non vederlo in campo dal primo minuto è anche una di quelle risposte per le quali i juventini ne hanno chiesto la testa un anno fa. Detto questo, per ovvie ragioni, tifo Roma.

Advertisment

Guardando ora la classifica ti accorgerai, tifoso bianconero, che la tua squadra è fuori da tutto. Il che non è drammatico: di più. Ma ragionando col cinismo proprio dei ragionatori è anche la situazione migliore per presentarsi ai blocchi di partenza a luglio. Anzi, fine giugno visto che non vi è alcuna necessità di attendere la fine dei Mondiali. Uscire da tutto, cioè non giocare le competizioni europee il prossimo anno permettono di:

  • prendere a calci nel culo gente chiamata Elkan e Blanc;
  • pianificare con estrema tranquillità la transumanza di alcune bestie che vestono oggi il bianconero (anche grazie proprio al tecnico romano di cui sopra);
  • approntare un mercato in misura minore, cioè ci sarà da allestire una rosa meno numerosa visti alcuni impegni mancanti.

In particolare l’ultimo punto può davvero permettere di comprare bene e pochi giocatori e vendere tanto. Certo, di traverso c’è il problema di chi rimane. Chi è quello che sceglie di non giocare l’Europa, in nessuna delle due forme possibili? Paradossalmente questa risposta ti fornisce in modo preciso chi la Juve la sente e quindi questa lista è esattamente la colonna vertebrale della Juve del futuro. Quello che molti chiamano lo zoccolo duro. Evitare inoltre l’Europa ti permette di lavorare serenamente per tutta la settimana, per un intero anno. Questo è fondamentale per chi deve veramente costruire un gruppo prima, una squadra poi. In questa lista rientrano evidentemente gente come Chiellini e Marchisio, anche Giovinco sul quale io continuo a puntare, Sissoko, Iaquinta, Del Piero, Legrottaglie, De Ceglie. Probabile un possibile inserimento di Trezeguet qualora decida di rimanere. Buffon merita un discorso a parte. E’ forse la migliore espressione della Juve-presa-per-il-culo. Il suo “in quel comunicato c’è scritto il mio futuro” la dice lunga sullo stato attuale societario bianconero. Ci sarebbe pure spazio per far salire un paio di giovanotti: da Yago a Immobile, passando per Marrone e Ekdal. O magari qualche rientro: Palladino e Ariaudo.

Advertisment

Ora, detto tutto questo mi piacerebbe sentire una intervista di Garrone o di De Laurentiis o di Della Valle. O perché no, se il fegato resiste, anche  Zamparini. Dov’è finita quella cupola? Dove sono finiti quei sospetti su una Juve ancora costantemente aiutata e favorita? Di una Juve che per forza di cose doveva arrivare quarta? Come vedete, cari presidenti, la vita e il calcio sono semplici: se semini raccogli, altrimenti intercetti e vinci a tavolino! La Juve, questa Juve, quella dal 2006 ad oggi, non solo non ha seminato ma ha pure tentato di sradicare quanto altri avevano meticolosamente curato. Un giardino pieno di deliziosi fiori ridotti a un campo di letame. Grazie Elkan. Grazie Blanc.

P.S.

Qualcuno mi toglie un dubbio atroce che mi affligge da circa 7 mesi: ma chi aveva scelto il ruolo di terzo portiere per Julio Sergio? Inoltre: qualcuno inoltra una denuncia per falsa testimonianza per chi ancora mette sullo stesso piano Buffon e il numero 12 della Seconda Squadra di Milano?

Advertisment