Menu Chiudi

Colpi Juve in arrivo e cessioni: ecco i nomi

Ringrazio GB per le tempestive chiacchierate. Uno che di ambiente Juve ne capisce.

Advertisment

E passo a un articolo semplice semplice, corto corto.

La Juve si muoverà a gennaio. Certamente in uscita, qualcosa anche in entrata. Purtroppo i tifosi devono capire che in assenza di dirigenti capaci di falsificare i bilanci, la Juve, questa Juve, questa Juve dopo Calciopoli, è vittima dei propri cattivi investimenti. E di aumenti di capitale che sono in realtà dei veri e propri prestiti su cui gravano interessi. Questo per dire che la Juve non può spendere quanto e più di Milan e Atalanta di Milano.

Advertisment

In economia, con saggezza, magari ricavando molto dal mercato in uscita. Via ai nomi, allora.

Partiranno:

  • Iaquinta e Amauri: completamente fuori dal progetto di Conte. La Juve si libererà di ingaggi pesanti e magari racimolerà qualche euro. Destinazione Italia per entrambi, con tutta probabilità;
  • Marco Motta e uno fra Pazienza e Luca Marrone: il primo è richiesto in Spagna, mentre uno dei due centrocampisti può partire se arriva un altro centrocampista, se viene confermata la promozione di Gabriel Appelt in prima squadra (giocatore di cui si dicono cose strepitose),  o se Conte decide di rinunciare a Marrone concedendogli di andare a giocare in prestito;
  • uno fra Elia e Krasic: Conte si priverà soltanto di un esterno e lo vorrà rimpiazzare con un centrocampista: di fascia o semplicemente un centrocampista centrale in grado di dare il cambio a Vidal o Marchisio;

Arriveranno:

  1. Caceres: se il suo prezzo non salirà oltre i 6 milioni di euro, la piazza, ma soprattutto la duttilità tattica dell’uruguaiano, hanno convinto Conte e Marotta a investire sull’ex-bianconero. Un cavallo di ritorno prezioso perché può giocare esterno di destra, centrale in una difesa a 4 o in una difesa a 3;
  2. un attaccante: Borriello è il più semplice da prendere, ma i malumori della piazza e le perplessità di Conte dovranno essere completamente superate prima di firmare ogni carta. E ci potrebbe scappare ovviamente la sorpresa;
  3. un centrocampista: difficile Fernando, costoso, difficile subito Montolivo, più semplice arrivare a Guarin che il Porto non intende tenere a tutti i costi. Conte vorrebbe inoltre un esterno di qualità, ma solo un big. Altrimenti si resterà così, sperando nel lancio di Elia.

Che ne pensate?

Advertisment