Menu Chiudi

Conte: “Allegri mi annoia. Pronto al rinnovo”

Orario insolito, ma è il solito Conte. Si presenta già carico per gli allenamenti da sviluppare fra oggi e domani (durante la rifinitura) perché quella posizione non intende lasciarsela sfuggire. Né lui né la squadra.

Advertisment

Tanti i punti interessanti che i giornalisti toccano, ma si comincia con quello più assurdo e volgare:

Che noia, che noia, che noia. Avevano detto che ci dovevamo stare zitti, ci hanno detto che dovevamo stare zitti dopo Parma e noi l’abbiamo fatto. Invece sento tutti i momenti riprendere i discorsi, Allegri lo fa ad ogni conferenza.

Risposta piccata alla solita polemica sul gol di Muntari. Mai un giornalista che chiede ad Allegri “ma scusi: tutti i rigori inventati che vi hanno dato e che sono risultati decisivi?”. Mai uno. Povera Italia.

Dubbi di formazione. Nonostante l’operazione Leonardo Bonucci vorrebbe esserci. Segno tangibile del lavoro psicologico che Conte ha fatto su questi ragazzi: nessuno vuole mollare:

Ieri s’è allenato, ma non con noi non era ancora arrivato il tutore, la maschera. Tutte le scelte saranno fatte oggi.

La sensazione è che non si rischierà Bonucci e si propenderà per una difesa a 4 con De Ceglie a sinistra e Chiellini al centro. Perché il Cesena non va sottovalutato come ricorda il Mister:

Advertisment

Da qui alla fine sono tutti impegni importantissimi, da non sottovalutare nessuno. La storia ci dice che in passato spesso e volentieri si sono persi punti nel momento cruciale con squadre già retrocesse.

Parole sante, parole che tentano di tenere tutto il gruppo sulla corda, tesi al punto giusto. Occhi di tigre, di chi ancora non è riuscito a fare nulla, a portare a casa niente, di chi ancora non ha alzato alcun trofeo.

E poi c’è quella questione del rinnovo che lascia spazio a ogni tipo di interpretazione: da positiva a negativa, perché Conte è abituato a parlare a cose fatte, a risultati acquisiti, ma tranquilli… è solo pretattica:

Io penso che dopo un anno di lavoro, ci dobbiamo sedere con la società, saranno piacevoli gli argomenti. Ma dobbiamo parlare.

Si chiude col capitolo Del Piero, un capitolo che è in realtà un libro, un’enciclopedia intera. Conte sta con Alex:

Io in questo momento penso che vale quel che dice Alex: il futuro di Del Piero è Cesena. Siamo qui ad essere gli unici con due obiettivi, unici in Italia e concentriamoci su questo, no?

Certo che sì: tutti concentrati sul Cesena. Servono i 3 punti.

Advertisment