Menu Chiudi

Cronaca di una giornata perfetta

E’ una sensazione stupenda svegliarsi la domenica mattina alle sei e pensare che finalmente lo vedrai…è una sensazione magnifica pensare che tuo padre, 70 anni, Juventino da 60, finalmente vedrà una partita della sua Juve nel suo stadio.

Advertisment

E’ così che è iniziata ieri una di quelle giornate che resteranno impresse per sempre nella mia vita.

Certo la Juve l’ho vista, rivista, ma nella sua casa, la sua vera casa no, questa è la prima volta ed è così che ci siamo messi in viaggio. Quasi mille chilometri da fare in treno ma che non sono pesati per nulla.

Advertisment

Il treno parte da Napoli, ma il nostro stupore è vedere quante persone sono tinte di bianco e nero: da Napoli, da Roma, da Firenze, sì da Firenze, da Bologna… la Juve muove l’Italia intera. Più che una freccia rossa quel treno sembrava una vera e propria freccia bianconera, non scherzo.

Finalmente arriviamo a Torino, prendiamo un taxi per la stazione, un simpatico tassista pugliese ci mostra il suo abbonamento e la sua tessera del tifoso. Ci racconta della sua passione ci dice che la Juve a Torino porta un sacco di lavoro… si dovrebbe riportare a tanta,tantissima gente questa affermazione.

Arriviamo al nostro tempio. Che emozione vederlo da lontano, che gioia vedere da vicino le foto di campioni che hanno fatto la storia della Juve e del calcio. Trovo poi la stella del capitano, li mi inginocchio, è la prima cosa che l’istinto mi ha detto di fare, Alex Del Piero, il nostro capitano!!!

Entriamo e ci sediamo ai nostri posti. Tutto perfetto, dal vivo è qualcosa di indescrivibile. Poi ecco i nostri campioni al riscaldamento. Si sprecano i flash, rientrano negli spogliatoi, poi in campo finalmente inizia il match. E’ dura oggi, il Cesena gioca a calci e si arrocca in difesa, ma no, proprio oggi non si può fallire. Poi al 70′ ecco il momento: il Principino proprio sotto di noi insacca e la giornata diventa perfetta. Urliamo di gioia, non ho più voce, mi giro e vedo mio padre, 70 anni, mille km A/R in una giornta, disteso sul sediolino con le braccia al cielo che ad un certo punto lancia il suo urlo di liberazione e piange… in quelle lacrime c’è tutto il racconto di una gionata perfetta.

Advertisment