Menu Chiudi

Del Neri? Perché no Conte a questo punto

Domanda provocatoria, ma torno a ripetere un concetto molto importante: serve uno che conosce bene la Juve. E che ha la Juve nel cuore. Ricordate gente il campionato di B vinto e stravinto con uno juventino in panchina. Uno juventino che aveva lottato contro tutto e tutti e aveva gestito benissimo un gruppo di scarsissima qualità, togliendo quei 5,6 o 7 fenomeni.

Advertisment

Si parla di Del Neri. Qualcuno dà per fatto l’affare. Non si capisce però per chi sia un affare. Se il problema, come evidente, è l’ingaggio, perché non puntare su Conte? Anche lui pratica, e bene, il 4-4-2 e certo la recente esperienza con l’Atalanta non può certo minare la sua carriera. Per esempio mi ricordo di un SuperBari in B. Lui leccese, amato alla follia dalla piazza barese. Lui che aveva proposto quel 4-2-4. Lui che aveva così bene utilizzato Lanzafame e Barreto. Lui che conosce come pochi la Juve.

Conte, il personaggio più forte in quel gruppo lippiano. Tanto da litigare mille volte. Tanto da mettere la faccia in quello scudetto poi perso a favore della Lazio, con Ancelotti in panchina. Lui, uscito nudo dallo spogliatoio a prendere per il culo e a pesci in faccia un triste giornalista che la tirava a Carletto.

Advertisment

Conte, un personaggio esperto di calcio, un personaggio sfacciato e scomodo. Come la vicenda Bari ha dimostrato. Lui che è stato vicino alla Juve, allontanato per un nome: Ventrone. Sarebbe forse il caso di guardare al passato, no?

Conte pratica il 4-4-2 e chiede le medesime pedine che probabilmente chiederà Del Neri. Ma mentre Del Neri sembra accontentarsi di Ziegler e Cassani, Conte aveva già puntato qualche nome più interessante, tipo Walcott. Tipo gente che sa attaccare. Tipo gente da Juve, insomma. O gente che potrebbe far bene alla Juve.

Lui che in quel processo durato un secolo, quello su droga e doping, ebbe a dire al Giudice: “Sì, mi drogavo. Mi drogavo di Juve!”.

Da juventino preferirei fallire con Conte e non con Del Neri. Come diceva qualcuno: se dobbiamo fare la stronzata, perché non farla in casa?

Advertisment