Menu Chiudi

Del Piero firma in bianco: la leggenda non ha fine

Ancora numeri? E basta! Gli aggettivi sono finiti.

Advertisment

Alessandro Del Piero usa i media come meglio di chiunque altro per spiegare ogni volta sensazioni e umori, ragionamenti e pensieri. L’ultimo video messaggio trasmesso tramite il proprio sito web è dedicato al contratto che da diverse settimane scatena enormi discussioni in TV e sui giornali.

Come evidente per un numero alto di ragioni, questo sarà l’ultimo contratto da giocatore di Alessandro Del Piero. L’ennesimo rinnovo con la squadra bianconera di cui è diventato praticamente una sorta di totem: record e numeri, prestazioni e vittorie. Includendo pure gli ultimi anni di Torneo Aziendale.

A 36 anni suonati Alex Del Piero si sente ancora giocatore e vedendo quello che c’è in giro appare stonato dargli contro. Manca certo la brillantezza degli anni migliori, ma in riferimento ai ragazzini è ancora in palla. E diverse volte ha fatto pesare tutta la sua classe in determinate partite. La Juve che è affondata l’anno scorso e la Juve che tentenna quest’anno non è da imputarsi al Capitano che per determinazione e voglia non ha eguali. Non è stato ancora individuato un erede e viene il sospetto che l’erede non ci sia.

Advertisment

Perché allora rinnovare? Riconoscenza? Da un certo punto di vista è anche possibile vederla così. Stasera il Capitano sarà destinato alla panchina. Del Neri sta dimostrando di poter decidere in tutta serenità scelte anche dolorose e scomode. Gioca chi è più in forma e chi è più funzionale al modulo e al contesto. Del Piero non sarà quindi un peso.

Perché allora rinnovare? Per inaugurare il nuovo stadio? Certo. Non vedo l’ora di seguire la diretta della prima di campionato 2011/2012. Non può che uscire lui per primo, con la solita fascia al braccio. Tutti i tifosi sperano che sia un nuovo inizio, un nuovo vero inizio. Ed è impagabile che il punto in comune col passato sia proprio Alex Del Piero.

Firma in bianco, dimostrando ancora una volta e in barba alle malelingue uno spessore umano senza uguali nel mondo del calcio. Firma in bianco perché i numeri e i record, la storia e la voglia di Juve vanno ben al di là di clausole contrattuali. Per carità… niente ipocrisia. La cifra che comunque percepirà sarà alta rispetto a un comune mortale. Ma sarà comunque bassa rispetto ai propri avversari e ai presunti nuovi fenomeni del calcio mondiale.

Firma in bianco pure perché il Presidente ha parlato chiaro: chi vuole rimanere alla Juve dovrà rispettare determinate condizioni. Si parte proprio da lui: dalla bandiera, dalla storia, dalla leggenda. Che altri comincino a prendere esempio.

Advertisment