Stretta finale? Cosí pare, anche se il rischio concreto di non chiudere un grosso affare è parimenti forte rispetto a un ultimo grande acquisto.

Advertisment

Draxler e Witsel, due nomi differenti, due giocatori completamente differenti. Due pedine che imporrebbero due scelte tattiche talmente diverse che non si capisce su quale base si stia ragionando: solo economica?

Allegri ha chiesto il trequartista sul finire della scorsa stagione, quando si capí che Vidal e Pereyra erano due adattati nel ruolo che è proprio di un 10. Eppure, al 28 agosto la Juve deve ancora scegliere.

Julian Draxler sarebbe il preferito. Il tedesco ha l’approvazione di Allegri che lo abbraccerebbe subito a Torino. Fantasia, piedi buoni, capacità di assist, qualche buon gol. Sarebbe il giocatore in grado di unire i reparti di centrocampo e attacco garantendo quella regia offensiva rimasta orfana di due fenomeni come Pirlo e Tevez.

Advertisment

Axel Witsel è un combattente che al dinamismo unisce parecchia qualità. Infatti la valutazione dello Zenit è anche superiore ai 30 milioni di euro, anche se per gli esperti del mercato una cifra di 25 milioni cash potrebbe far chiudere l’operazione a favore di chi acquista. Cifra comunque importante, alla luce del fatto che la Juve a oggi non potrebbe permettersi due colpi.

Chi scegliere allora?

Con Draxler a Torino, il modulo preferibile da Allegri sarebbe automaticamente il 4-3-1-2, o al limite l’albero di natale con due mezze punte dietro un attaccante (per esempio Morata e Draxler dietro Mandzukic, o Draxler e Dybala dietro una prima punta). Difficile imporre il 4-3-3, con Cuadrado e Draxler sulle fasce.

4-3-3 che sarebbe invece praticabile con Witsel a rinforzare una mediana che a quel punto tornerebbe di livello altissimo, con Marchisio in mezzo, e Pogba e Witsel ai suoi lati. Tecnica, fisico: sarebbe il miglior modo per sostituire le partenze di Pirlo e Vidal.

Uno dei due dovrebbe approdare in bianconero. Mancano poche ore e scopriremo chi.

Advertisment