Menu Chiudi

E’ un anno che ripeto le stesse parole di Andrea Agnelli

E’ un anno, un anno intero che ripeto le stesse identiche parole di Andrea Agnelli. Il quale, ieri, ha finalmente sbottato, perché obiettivamente giocare pure contro i propri tifosi è inamissibile, soprattutto vista la situazione in cui si è mossa la Juve, almeno QUESTA Juve.

Advertisment

E allora il risultato è lo specchio del tifo proposto, negativo e molto polemico, critico a priori al di là dei risultati.

Fra l’altro, i giornalisti hanno commesso diversi errori durante le interviste a Del Neri, ma non tornerò su questo punto.

Piuttosto c’è ora da fare cerchio attorno a un Presidente che non deve imparare da nessuno, DA NESSUNO, che significa Juventus. Uno tosto, uno giovane che per esempio ha ribadito che

Se la Figc ci mette più di un anno per rispondere al nostro esposto, allora forse non ha la coscienza troppo pulita [...]

Advertisment

Qui a fare i buoni non ci si è guadagnato nulla, anzi abbiamo continuato a perdere, e non sto parlando dei risultati in campo (oggettivi e logici, viste le formazioni e il rendimento di questi quattro anni). Bisogna andare allo scontro frontale e Andrea Agnelli sa che può contare su tante persone, su tanti tifosi. La FIGC deve rispondere, altrimenti sarà guerra, e stavolta sarà guerra seria. Soprattutto non vedo e non leggo risposte a quel buffone di Moratti. Troppo facile prendersela con Del Neri, provate un po’ a tirare fuori la stessa rabbia nei confronti di questo imbecille travestito da dirigente.

In questo articolo di Tuttosport, che ancora non ho ben capito da che parte effettivamente sta, manca un pezzo importantissimo delle parole di Andrea Agnelli, addirittura l’ultima frase è completamente ribaltata. E’ questo mi fa capire quale giornale non comprare per tutto il mese caldo di agosto.

Andrea Agnelli, il Mio Presidente, ha detto una cosa chiara, molto precisa:

La Juve viene già fischiata in tutte le parti di Italia, se dobbiamo essere fischiati pure dai nostri tifosi allora questo è inaccettabile. Fischiare, poi, prima della fine della partita è ancora più triste. Ci occorre l’aiuto e l’amore dei nostri tifosi.

E’ un anno, un anno intero che chiedo clemenza, pazienza e tanto amore incondizionato. Alle volte, con l’entusiasmo riesci meglio a superare le difficoltà. Non è mai successo quest’anno, forse quando la Juve si trovava seconda. Troppo facile, molto da intertristi e poco da juventini.

Io sto con Andrea Agnelli: è l’unica persona, in questo maledetto paese, che ha la possibilità di restituirmi la Juve. Ma serve tempo e io sono disposto ad accettare. Se altri non sono d’accordo, per favore, scegliete un altro sport o un’altra squadra. Evitate di disturbare!

Advertisment