Menu Chiudi

Ecco cosa pensa un’interista dello Scudetto 2006 e di Calciopoli

La particolarità del personaggio è tale… che mi rifiuto di rilasciare commenti o scrivere la solita presentazione di due righe. Direttamente e senza preamboli ripubblico un piccolo, ma straordinariamente lucido pensiero di un tifoso interista che verrà d’ora in avanti censurato e sbeffeggiato col solito metodo Boffo tanto caro ai milanesi più potenti d’Italia:

Advertisment

VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, TRE VOLTE VERGOGNA.

ALL’INTER NON RESTA CHE RESTITUIRE LO SCUDETTO 2006 E A MORATTI NON RIMANE ALTRO CHE ANDARSENE DAL MONDO DEL CALCIO, VISTO CHE LE TANTO SBANDIERATE VERGINITA’, PUREZZA E INNOCENZA SONO VENUTE MENO.

SECONDO LA RELAZIONE DI PALAZZI IL COMPORTAMENTO DI FACCHETTI VIENE CONFIGURATO COME ILLECITO.

QUELLO DI MORATTI INVECE COME VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 1 DEL CODICE DI LEALTA’ SPORTIVA, LO STESSO PER IL QUALE E’ STATO CONDANNATO MOGGI E POI RADIATO.

Advertisment

UNO SPUTTANAMENTO ASSOLUTO, TOTALE E SENZA OMBRA DI DUBBIO.

[...] MORATTI NON HA PIU’ ALIBI E LA SUA ONESTA’ POTREBBE RIABILITARSI SOLO SE RINUNCIASSE ALLA PRESCRIZIONE PER SOTTOPORSI LIBERAMENTE IN UN PROCESSO DAVANTI A UN GRAN GIURI’.

CON QUALE FACCIA (SI PUO’ PRESENTARE) UN UOMO CHE PER CINQUE ANNI HA SBANDIERATO AL VENTO NON DICO L’INNOCENZA, MA PERSINO UNA VERGINITA’ CHE SECONDO PALAZZI NON GLI APPARTIENE.

FACCHETTI E MORATTI SECONDO PALAZZI FACEVANO LE STESSE MAIALATE CHE FACEVANO GLI ALTRI E SE NON POSSONO PIU’ PAGARE PERCHE’ IL REATO E’ PRESCRITTO C’E’ UN DOVERE MORALE DA RISPETTARE.

[Fonte: francorossi.com]

Advertisment