Menu Chiudi

Fabio Quagliarella e la Juve: lo stato dell’arte

Quando i giornali cominciano una campagna su un giocatore della Juve in cessione, sento crescere la sensazione che quel giocatore sia sulla via del recupero e che possa tornarci utilissimo.

Advertisment

Non è l’aria da complotto, complottismo o facile polemica, è la realtà fattuale di vari articoli di giornale che non sai mai a chi fanno comodo: sponda nerazzurra o… sponda rossonera?

In questo caso sono i cugini rossoneri a trarne, eventualmente, beneficio. E parliamo di Fabio Quagliarella.

Fino a fine dicembre, prima di quel maledetto 6 gennaio, Eta Beta era risultato l’attaccante più importante, assieme a Cavani, della Serie A. Numeri da capogiro, e non soltanto cifre riguardanti assist e gol. Prestazioni che stavano determinando un secondo posto meritatissimo, poi il crollo in contemporanea col suo infortunio.

Infortunio pesantissimo, di quelli che ti lasciano il segno psicologicamente. A oggi poche presenze, per non dire nessuna. Aveva cominciato alla grandissima la preparazione e nelle prime uscite si intravedeva una totale sintonia con Alessandro Matri. Poi Conte ha intuito qualcosa e ha chiesto a gran voce Mirko Vucinic.

Advertisment

La domanda è sempre la stessa: quando torna Fabio Quagliarella?

La risposta è, pur incredibile che possa sembrare, sempre la stessa: presto! Ma presto quando?

Così ci pensa lui a tranquillizzare tutti:

Ho letto che molti di voi si stanno preoccupando della mia salute: state tranquilli, sto benissimo! Sia fisicamente che…psicologicamente!! Buon week end a tutti!

– Fabio Quagliarella

Buon fine settimana a te e a presto in campo. Abbiamo tanto bisogno delle tue magie!

Advertisment