Menu Chiudi

Genoa-Juventus, basta più pareggi

Furono due incredibili pareggi. Entrambi sufficientemente deludenti per il modo in cui sono stati raggiunti. All’andata fu Caracciolo a rendere vana la doppietta di Matri, mentre al ritorno successe di tutto, fra rigore non concesso e gol ingiustamente annullato, con in mezzo un dominio imbarazzante.

Advertisment

Antonio Conte ritrova quindi una delle pochissime squadre a non essere stata battuta. Un trend assolutamente sorprendente e che bisogna invertire. Ai bianconeri servono punti per proseguire una striscia positiva che dura dallo scorso campionato e per infondere ulteriore tranquillità nei ragazzi. Fra pochi giorni c’è l’attesissimo debutto in Champions League, una gara magica e dai contenuti emozionanti.

Advertisment

Intanto c’è il Grifone. Squadra tosta da affrontare, con un ottimo centrocampo, molto forte fisicamente. E poi grande attenzione agli attaccanti, fra giovani promesse bianconere (Immobile) e una meteora che però ha lasciato un grande cratere nello scorso campionato con quel gol al Cesena (Borriello). Da non sottovalutare come il Genoa sia bello carico a livello emozionale. Merito dei deferimenti in quantità industriale piovuti sulla società rossoblu a fronte di quel vergognoso Genoa-Siena del 22 aprile scorso. Preziosi ha provveduto a caricare i suoi e distendere i toni con le sue solite equilibrate dichiarazioni che non riporteremo.

A noi interessa il calcio giocato. E in tal senso ci incuriosisce quale sarà la vera formazione schierata da Conte. Si prospetta, d’ora in avanti, un continuo cambio negli 11 titolari, con buon uso delle cosidette seconde linee. Registriamo il recupero di Lucio, perfino il probabile impiego di Isla. Due pedine importanti, che possono davvero far bene alla Juve, soprattutto il cileno sulla fascia destra. Ma non solo. Occhio a De Ceglie, sempre molto sottovalutato dalla critica, e soprattutto a Pogba. Il giovane francese ha inanellato prestazioni molto importanti con la Nazionale Giovanile francese ed è pronto per dare il cambio ad Andrea Pirlo. A conferma di come la rosa della Juve sia molto più completa rispetto allo scorso anno.

Proprio questa completezza dovrebbe essere il punto di forza di Conte. Già da domani avremo alcune risposte.

Advertisment