Menu Chiudi

Habemus Messi: i trucchi italiani non funzionano

Che mazzata. Una di quelle batoste che resteranno nella storia. Una figuraccia di livello mondiale. Il Milan viene sbattuto fuori dalla Champions a pesci in faccia. La colpa di chi sarà? Io ho una idea.

Advertisment

Userò le parole che ho raccolto in questi due giorni di preparazione al match. Buona lettura.

Stefano Eranio, ex giocatore del Milan:

Questo Milan  è superiore alla Juve. Peccato aver perso punti all’inizio del campionato altrimenti a quest’ora sarebbe in lotta per il titolo.

Giovanni Galli, ex giocatore del Milan:

In Spagna sembrano sicuri, ma contro questo Milan non sarà facile. Ho visto Allegri concentrato e sicuramente avrà tirato fuori qualche soluzione per frenare il Barca.

Pistocchi, giornalista del Milan, prima della partita:

Il possesso palla che Allegri ha ridato al Milan non è così inferiore a quello del Barca. Vediamo che partita esce fuori.

Pistocchi, giornalista del Milan, dopo la partita:

Ma di che parliamo? Quando una squadra non tocca palla per il 30% del tempo e non ha mai occasione per tirare in porta… ma di che parliamo?

Advertisment

Allegri, ex allenatore del Milan, a fine partita:

Peccato. E’ pur vero che non abbiamo concesso tante occasioni al Barcelona. Ai miei ragazzi non posso rimproverare nulla.

Flamini, giocatore del Milan, a fine partita:

Beh peccato per il palo. Poi non sapevo del fuorigioco di Messi e vorrei rivedere quel fallo di mano di Pique.

Ufficio Stampa del Milan ai vertici UEFA a fine partita:

Perché la TV spagnola non fa rivedere il fallo di mano di Pique?

Pellegatti, tifoso Milan, a fine partita, in polemica con Pistocchi (palesemente deluso negli studi Premium):

Io non ho visto un piccolo Milan. Abbiamo avuto occasioni e resta la partita di andata. Questa squadra crescerà in due o tre anni.

Che dire?! La colpa non è di Allegri, che di novità tattiche non ne ha portate nemmeno una. La colpa non è dei ragazzi che vestono il rossonero: quelli sono e quelli sono i limiti.

La colpa è semplicemente di chi pompa la propaganda mediatica pro Milan. La colpa è dei giornali che la realtà la nascondono a favore di campagne elettorali perenni. La colpa è della TV che racconta il falso. Poi capita che la Giustizia Terrena ti mette di fronte alle vere difficoltà. Capita che questa Giustizia si riprende, con gli interessi, tutti i debiti contratti fra un Braschi, un Kassai (comunque protettivo) e un Damato o Rizzoli di turno. E si torna così alla realtà, quella vera.

Restava solo una cosa da fare ieri: staccare la luce. Solo che Galliani non è riuscito a trovare l’interruttore generale del Camp Nou. Maledetta sfortuna.

Advertisment