Menu Chiudi

Il dopo Del Piero si chiama…

Mancano ancora un po’ di mesi, poi la storia è segnata. Lacrime abbondanti inonderanno lo Juventus Stadium. Si spera sia una festa in tutti i sensi… sì, proprio in quel senso, ma non diciamo nulla. E Del Piero saluterà: la maglia numero 10 gli resterà appiccicata sopra la schiena, marchiata a fuoco. Più bianconero fra tutti i bianconeri. Ok, basta con la malinconia, spazio al calciomercato.

Advertisment

Il toto dopo-Del Piero è partito da tempo, e IoJuventino si unisce al giochino. Chi sarà l’erede di Alex, bene inteso che uno come Alex non ne nascerà più fra qui e 100 anni.

Il predestinato sembrava Sebastian Giovinco. Cresciuto nella Juve, quasi bruciato da Ranieri, mal sfruttato da Ferrara, sta crescendo lontano da Torino. Con un’altra gestione societaria forse avrebbe potuto seguire parallelamente la crescita impetuosa di Marchisio, chissà! A oggi è certamente una possibilità e Conte sembra gradirne la fantasia, l’estro e le capacità atletiche.

Advertisment

Uno che fa gola si chiama Jovetic. Montenegrino come Vucinic, talentuosa seconda punta tuttofare. Dai Viola di solito alterniamo un acquisto buono a uno cattivo. L’ultimo acquisto si chiama Felipe Melo… dunque…!

Un’alternativa che in realtà si discosta dalla tipologia di giocatori sin qui elencati è Lavezzi. Spaventa la clausola rescissoria: 32 milioni di euro. Spaventa forse di più il fatto di trattare con De Laurentiis. Di certo, in un ipotetico 4-3-3 El Pocho sarebbe il grimaldello ideale per far saltare ogni tipo di bunker difensivo. Veloce, dinamico, tecnico, dribbling facile, apre gli spazi o li sfrutta, contropiedista e buon assistman. E con le mani e il lavoro di Conte in settimana potrebbe limare alcuni difetti che ne impediscono una definitiva esplosione.

Altri nomi?

Advertisment