Menu Chiudi

Io non capisco le critiche

Io non capisco, con molta franchezza, le critiche che qualcuno mi rivolge soprattutto nel mondo offline. La mia teoria è la seguente: per ripartire e per varare un progetto vincente serve un gruppo vincente. A capo di questo gruppo vincente, cioè la rosa che costruisci, fatta di giovani, campioni ed esperti, deve esserci un ulteriore gruppo, quello dirigente, competente e attento. Un perno fondamentale di questo sistema si chiama allenatore. E’ quello che gestisce il programma scegliendo schemi e giocatori e garantendo l’avanzamento del programma medesimo. L’allenatore è l’interfaccia tra il gruppo dirigente e il gruppo giocatori. Deve avere forte personalità perché è normale che fra 30 persone possano nascere incomprensioni e liti furibonde. Deve essere competente perché scegliere fra quelle 30 persone le migliori che via via servono durante i match è complicato. Deve essere anche vincente, e questa caratteristica non si allena né si eredita né si acquisisce.

Advertisment

Advertisment

Se siete ancora d’accordo con me, con quanto detto finora, allora qualcuno mi faccia cambiare idea sul pensiero seguente. Per me Del Neri, così come Prandelli, per non parlare di Giampaolo o Allegri, non sono tecnici vincenti. Né adatti a gestire tutte le complessità del mondo juventino. Oggi più che mai, un mondo rabbioso dove le vittorie negate non fanno altro che aumentare tensioni e aspettative. Per tutti questi nomi ho provato a portare dei fatti, fatti concreti, dati inconfutabili. Buoni per la provincia. Anche Lippi, nel 1994, veniva dalla Provincia, ma come ho ripetuto, Lippi venne inserito in un contesto praticamente perfetto, con la Triade a coprire eventuali suoi errori (e ne ha fatti!) e fornire nuove soluzioni. Oggi non c’è la Triade, nemmeno un abbozzo di Nuova Triade. E non c’è Marcello Lippi. Né Capello, né Boniperti. Quindi?

L’allontanamento da Benitez mi suona come una sconfitta dirigenziale. E’ come provare a portarsi a letto Eva Henger e, la notte, ritrovarsi con Enza Sampò tra le lenzuola (con molto, moltissimo rispetto professionale a Enza Sampò!)! Poi ci sta pure che magari ti diverti di più, ma almeno inizialmente dubito. Fortemente, dubito! Sbaglio qualcosa? E se sì, dove?

Advertisment