Juve: chi sarà ceduto?

by • 07/06/2011 • Il punto sul mercatoCommenti (5)

uscita

Si attendono giustamente i colpi di Marotta, ma non bisogna dimenticare che la Juve deve prima, e forse soprattutto, vendere. Il che non è semplicissimo. Vediamo caso per caso quali grane deve risolvere Beppe Marotta.

Partiamo dai portieri. Marco Storari ha giocato un campionato eccezionale: sminuirne il valore ha senso solo per chi ama il gusto di dare contro alla Juve, e lascia il tempo che trova. Gigi Buffon è ancora, teoricamente, il numero 1 al mondo fra i numeri 1. Sembrerebbe un reparto più che completo, ma ci sono problemi. Storari vuole giustamente giocare, anche perché sono gli ultimi anni di carriera. Su Buffon esistono, inutile nasconderlo, diversi dubbi sulla sua tenuta fisica e sulle sue reali motivazioni di voler ancora faticare in campo. Entrambi avrebbero mercato e la Juve dovrà decidere in fretta cosa fare. Antonio Conte pare abbia parlato con Buffon sentenziando che il portierone potrà ancora dare tanto alla Juve. Mi fido, quindi resta da piazzare Storari, se non accetterà il ruolo da comprimario. La sua partenza sarà legata presumibilmente a un acquisto di profilo basso.

Difensori. Grygera e Motta e Grosso sono in partenza. Il primo non ha mai convinto e, anzi, è stato oggetto di durissime critiche. Pensare che l’abbiano tenuto rinunciando ai vari Balzaretti e Criscito… Il secondo verrà riscattato, ma Marotta lo utilizzerà in qualche scambio o lo venderà. A Grosso non verrà rinnovato il contratto e sarà libero di accasarsi dove meglio crede. Traoré tornerà all’Arsenal per fine prestito, mentre su Sorensen il dibattito è apertissimo: quarto centrale, dietro Chiellini-Bonucci-Barzagli, o in prestito a farsi le ossa? La situazione dei tre centrali invece appare chiara: impossibile (o quasi) rinunciare a Giorgione, Barzagli ha convinto e può tornare utilissimo, mentre su Bonucci, dovesse arrivare qualche succosa offerta dall’estero…

Centrocampo. Se Conte non metterà il veto, Sissoko sarà certamente ceduto. Il maliano ha mercato in Spagna e in Francia e bisognerà giocarsi bene questo cartellino. Felipe Melo rischia grossissimo: Conte non lo vede e l’arrivo eventuale di Inler significherebbe proprio la rinuncia al brasiliano. Costato 25 milioni di euro, oggi la Juve non potrà accaparrarsi più di 16 milioni. Anche lui potrà essere importante in qualche scambio di livello (Real? Liverpool? Arsenal?). Occhio anche a Pazienza, il cui eventuale ingaggio a me è incomprensibile: finirà come Marco Motta? Martinez è in uscita, ma chi su di lui?

Attacco. Iaquinta e Amauri hanno rappresentato il flop della scorsa dirigenza. Il primo condizionato dagli infortuni, il secondo condizionato da una incapacità di sopportare le pressioni. Entrambi sono però ostaggi di onerosi ingaggi, che ne precludono alcune trattative. Staremo a vedere. Per il resto il quartetto Del Piero-Matri-Quagliarella-Toni pare confermato, a meno che…

5 Commenti su Juve: chi sarà ceduto?

  1. pigrecosan says:

    Con Chiellini e da quando puntiamo sui Cestisti forti ma dai piedi molto scarsi non abbiamo più vinto nulla. La politica del giocatore forte fisicamente. Il Giorgione. Abbiamo avuto per anni una delle difese peggiori tra le grandi, come la nazionale daltronde e come si fa a dire che Chiellini resta. ma è il primo che dovrebbe fare le valige(gratis). Ma come si fa a impostare una squadra su questo centrale che non fa un solo passaggio giusto. Solo riserva di un terzino in una vera Juve potrebbe giocare. Come si fa a non usare la statistica e a calcolare quando costa un Chiellini per l’economia della squadra. Quanto corrono le punte in più per i passaggi sbagliati, quanto fiato getta la squadra ogni volta che un centrale così butta la palla in tribuna. Quando fiato spreca la squadra quando un centrale così arriva di forza a fare 50 metri per poi perdere la palla sul fondo, senza parlare dei rigori dei falli e del cattivo gioco. Ma il barcellona non ha proprio insegnato niente?

    • IoJuventino says:

      Mi sa che ha parlato, giustamente @pigrecosan, il tifoso juventino incazzato! Giorgio Chiellini ha subito, come tutti del resto, o quasi, il tracollo di un intero gruppo. La colpa è stata sì dei difensori, ma principalmente di un equilibrio di squadra che a gennaio si è praticamente dissolto nell’aria.

  2. pigrecosan says:

    hahah condivido pienamente la tua risposta. ho sicuramente la vista appanata da tifoso però ti ricordo chi erano i centrali prima con cui abbiamo vinto qualcosina.
    Cannavaro…>>>Turan……….>>>>>e il Mitico indimenticabile SCIREA…
    ti pare che qualcuno di questi abbia i piedi di Chiellini..dai non scherziamo….
    la mia è una denuncia tecnica di questa Juve dei Maci ma dai piedi quadrati.
    Chi sceglie ora i giocatori non capisce nulla di tecnica calcistica e non sono incazzato ora a campionato finito. Lo ero anche prima quando mandano via la qualità per tenere la forza o comprano i maratoneti alla Pepe. La Maratona è un altro bellissimo sport ma con il calcio non ha nulla a che fare. Ti sfido a trovare più di 2 cross di Pepe esatti visionando tutte le cassette della stagione. nelle prime 10 partite non ha fatto un solo cross andato a segno. Qualche calcio da fermo ma un buon Mister sa che si valuta un giocatore non dal calcio da fermo.

    ahhaah ciao
    saluti ottimo blog il tuo
    complimenti.

    • IoJuventino says:

      Assolutamente no, @pigrecosan. Però il fatto è uno: questi abbiamo e di centrali come Thuram e Cannavaro, Ferrara e Montero, tanto per citare le ultime due grandissime coppie, non ce ne sono in giro per il mercato.

      Bonucci deve crescere in esperienza e già un anno è passato sotto la Mole! Chiellini deve disciplinarsi in quel ruolo, mentre Barzagli ha dimostrato ottime doti. Per il momento, in assenza di colpi, può bastare, posto che Conte dovrà lavorare duramente. La chiave di tutto sarà l’equilibrio che i due centrocampisti centrali riusciranno a garantire. Ecco dove Marotta sta riflettendo, e tanto!

  3. pigrecosan says:

    Lo so che questa è la linea guida attuale ed è per questo a meno di un Pirlo mastodontico sarà un altro anno di passione. Quello che non si capisce è la statistica. Dopo 3 2 a 0 rimontati che ci potevano tranquillamente riportare in Champions non si riesce a capire che non era l’attacco e il centrocampo in fase offensiva che non andavano l’anno scorso. Parlando tecnicamente gli svarioni di Melo arrivavano sempre quando finiva le batterie. E perchè si finiscono le batterie se non vogliamo proprio dare tutta la colpa al preparatore e al tecnico. perchè disponi di giocatori che non hanno tecnica dietro. I lanci lunghi spessissimo sbagliati, i cross che non arrivano mai dove devono arrivare statisticamente fanno consumare ossigeno all’economia della squadra durante la prima fase fase della partita. Cosa che non avviene mai in primis al Barcellona avendo sempre un Messi camminante ma pronto a scattare. Dunque punte lucide.(assioma) Alla Juve non le avrai mai. certo ora c’è Pirlo ma basta un Trap in pensione con una squadra di dillettanti per dimostrare subito che se attacchi il portatore di palla se è uno solo come sarà la Juve del Pprossimo allora stai poco a ..vincere e cade anche Prandelli che mi pareva più sveglio su un errore così grossolano. Chiaro è che il Gioco del Trap e di Capello non mi piace perchè non è calcio e basta pochissimo per batterlo ma se non lo capisci subito ti frega. Questa difesa qua non potrà mai migliorare. I piedi si vedono sotto gli Undici anni sopra può migliorare il fisico. Chiaro che i 2 nuovi terzini di spinta possono parare il colpo il prossimo anno ed arrivare nella carta alla Champions, con l’innesto del Picchiatore a difesa di Pirlo e un ala degna del nome e sei a posto. Ma parti già perdente sulla carta tecnica e statistica perchè non hai rosa da scudetto. hai una rosa mista tra picchiatori e gente con i piedi, punti sul Kul di non avere un infortunio in mezzo e davanti, quanto se ti capita e certo che ti capita, dietro non hai la qualità adeguata per battere le piccole nei momenti di pausa e difficili di una stagione. Ergo o Marotta non capisce di calcio che ” Conta” ma solo di centro classifica e non riesce a leggere i movimenti delle grandi, o la coperta è corta e il piano è pruriennale e noi poveri morali non sapendo cosa bolle in pentola cerchiamo di capire anno per anno valutando a posteriori. certo è che se la Juve non risolve i problemi grossi sulla linea di mezzo del campo dove fin dalle giovanili costruisci la squadra e dove serve Qualità non forza che è secondaria allora sei sulla carta sempre perdende contro una squadra tecnica come le prime ( della classe tutte molto ma molto più forti di noi.
    Ma da buon Juventino spero nel Kul e negli errori arbitrali. Altro per ora non vedo.

Partecipa alla discussione

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>