Menu Chiudi

Juve: da Salerno a Pechino…

L’ultimo test prima della Supercoppa di Pechino ha visto la Juventus vincere per 2 a 0 contro il Malaga, squadra sicuramente alla portata dei bianconeri, i quali hanno sicuramente risentito delle fatiche di questa preparazione, soprattutto i nazionali. La Juve vista a Salerno ha dato ottime impressioni, ma anche qualche perplessità.

Advertisment

Storari si conferma in ottima forma, e lo testimonia una buonissima parata, e la solita tranquillità che dà alla difesa. Dietro provato di nuovo Marrone centrale, e il ragazzo ha risposto benissimo, così come Lichtsteiner, impiegato come terzo a destra: è in gran forma ma sia per lui che per Marrone vale lo stesso discorso. Sono centrali adattati, e quindi bisogna sempre vedere come si comporteranno di fronte ad attaccanti di razza e di caratura ben più alta. Lucio invece appare in leggera ripresa, anche se la posizione di centro-sinistra non gli si addice tanto, in generale il gioco della difesa a tre non è a lui congeniale: spesso si sgancia, e la Juve si è ritrovata per ben tre occasioni in inferiorità numerica, con un tre contro due che poteva portare dolori.

Attenti quindi, perché il Napoli ama partire in contropiede e saranno guai se non dovessimo correre ai ripari. A centrocampo Asamoah a sinistra non ha fatto male, ma lui deve stare in mezzo, perché dà tutto e insieme a Vidal forma una vera propria guida. Non mi stupirei se Marchisio dovesse partire dalla panchina a Pechino: il principino sente ancora la fatica degli europei, così come Pirlo, sembrato molto sulle gambe e poco attento: il genio ha perso diversi palloni, cosa non da lui. Vidal e Padoin hanno fatto bene, così come Matri: certo, il bomber ha dovuto solo fare due gol facilissimi, ma è comunque una bella risposta a chi lo aveva già visto con la maglia rossonera: ora è Quagliarella a rischiare la cessione, fortemente.

Advertisment

Giovinco ha lanciato qualche idea, ma il ragazzo deve dimostrare di essere da Juve, quindi fuori la personalità altrimenti la vedo dura per lui. La Juventus quindi sta avvicinandosi alla super coppa tra luci ed ombre. Chiaramente le ombre sono soprattutto quelle fuori dal campo: le vicende che hanno coinvolto Conte , Pepe e Bonucci hanno comunque scosso l’ambiente. Le sentenza dovrebbero arrivare tra l’8 e il 10 agosto, proprio un giorno prima della super coppa: Conte ha già fatto le prove a Salerno, andando in tribuna e mandando in panchina Massimo Carrera.

Momenti delicati per la Juventus quindi, ma il grande affetto non è mancato a Salerno: applausi per Conte, ovazione per Bonucci quando è entrato in campo. Il difensore non è sembrato tranquillo, ed è anche normale. Un paio di palloni persi, un fallo che poteva risparmiarsi, prestazione non all’altezza. Per Pechino secondo me Conte ha valutato molte cose: sa che i nazionali sono indietro con la preparazione, e sa benissimo che il Napoli sta correndo e ha fatto un precampionato perfetto fino ad ora. Un’ipotetica formazione potrebbe vedere Storari in porta, difesa a tre con Barzagli, Marrone e Masi; a centrocampo sceglierei solo Pirlo come nazionale, lasciando fuori Marchisio, che verrebbe sostituito da Asamoah: il ghanese, insieme a Vidal, saranno utilissimi li in mezzo. A destra il solito Lichtsteiner, a sinistra De Ceglie si sta riprendendo, vedremo tra lui e Giaccherini probabilmente. Escludo Padoin. Davanti invece sicuro Mirko Vucinc, e probabilmente Matri, salvo sorprese dell’ultim’ora: non ci vedo un Vucinic-Giovinco, sarebbe un attacco troppo leggerino.

Certo, la condizione fisica sarà quella che deciderà tutto, perché molti juventini vengono da un europeo tirato al massimo, e si vede tantissimo. Pirlo ha faticato sia col Benfica che col Malaga, Marchisio non si sta risparmiando nemmeno nelle amichevoli. Vedremo cosa succederà, anche se siamo sicuramente concentrati sulle vicende extra calcistiche. È un momento difficile, ma è il momento di stare uniti.

Advertisment