Il mese di gennaio è stato deludente per la nostra squadra del cuore e ci ha tolto la sicurezza di vincere il campionato, che quasi avevamo già prima di Natale e ha consolidato il Napoli come avversaria con cui giocarsi il titolo.

Advertisment

Le cause purtroppo sono ben note a tutti (qualche infortunio di troppo, Chiellini ci manca come l’aria, Asamoah in Coppa d’Africa, mezza squadra squalificata oggi, qualche “rigorino” che manca all’appello). Ma dopo il dopopartita col Genoa mi sono apparse evidenti una serie di analogie tra la lotta con il Napoli di quest’anno e quella del Milan dell’anno scorso.

Innanzitutto, il super bomber c’è l’hanno loro: Cavani è senza dubbio, numeri alla mano, il migliore in circolazione in Italia quando si tratta di gonfiare la rete… stesso discorso l’anno scorso con Ibrahimovic. Su questo siamo inferiori, senza giri di parole.

Altra anlogia con l’anno scorso, anch’essa negativa, è lo sfogo di rabbia Conte contro gli ultimi 3/4 arbitraggi “discutibili” (Genoa, Sampdoria e Lazio in Coppa Italia), ovviamente visto come un piagnisteo vergognoso dall’altra metà dell’italia (quella antijuventina) come lo era stato quello dell’anno scorso quando di rigori non ce ne davano.

Advertisment

Poi si cade anche sul ridicolo: Marchisio per la sua affermazione di rivalità sportiva contro il Napoli è stato attaccato da tutte le parti; De Santis parla senza essere interrogato invece di imparare a parare i tiri da centrocampo. Vi ricordate l’anno scorso le critiche a Buffon per non aver “convalidato” il gol di Muntari? o quelle a Chiellini quando denunciò tutte le volte che Ibra colpiva a  pugni gli avversari? A tutto ciò si aggiunge l’odio e il disprezzo di tutti verso Conte, la squadra  e tutto lo staff  tecnico per comportamenti “mai visti prima” che hanno scandalizzato l’opinione pubblica (ma io ricordo tantissimi episodi di polemiche vibranti a fine gara che non hanno avuto come conseguenza la squalifica di mezza squadra)…Vabbè essere Juventini da fastidio….  

L’unica cosa da fare è non innervosirsi nè scoraggiarsi: di ostacoli ne incontreremo di ogni tipo  ma bisogna sempre sostenere la squadra anche perchè ci sono tutti  gli ingredienti per un’altro testa a testa da toglierci il fiato e goderci lo spettacolo proprio come accaduto l’anno scorso…

Vi ricordate come è finita quando Allegri ci diceva che a Trieste avremmo preso freddo?

 

Advertisment