Le difficoltà della squadra sono evidenti e devono essere ricondotte allo stato di forma della gran parte dei giocatori, alla mancanza di un gioco fluido e incisivo e alla debolezza caratteriale che sta determinando i risultati delle partite.

Advertisment

La squadra alterna momenti di gioco da Juve a momenti in cui la tensione mentale viene meno e gli avversari prendono il sopravvento. Non può essere un problema tecnico, ma è solo un problema mentale a cui Allegri non sta trovando una soluzione efficace.

Sembra dimenticato il motto di fino alla fine, e la squadra sembra ripetere il secondo tempo di Cardiff rinunciando alla lotta e al gioco, uscendo dalle partite senza capacità di reazione.

Advertisment

Assurdo criticare tecnicamente la rosa, più che corretto e legittimo criticare l’impegno e la dedizione dei giocatori, alcuni di questi molto ben pagati.

In rete, specialmente su Twitter, si assiste a una impietosa lite senza contenuto. Il campionato è ancora lungo, ma si vince con la cura minuziosa di ogni dettaglio. Sottolineare quali dettagli stiano venendo meno in questa Juve è ciò che l’intelligenza suggerisce senza per questo mettere a rischio l’amore verso la Juve. D’altronde, per risolvere un problema, bisogna prima individuarlo.

Massima fiducia in Allegri per cui parlano i risultati degli ultimi anni, ma antenne ben dritte per il lavoro svolto sul campo sia dal mister sia dai ragazzi. La cosa più pericolosa, vero ingrediente segreto della triade, è la strada della riconoscenza che guarda solo al passato e mai al presente e al futuro.

Advertisment