Advertisment

Advertisment

Il ciclo terribile è iniziato. La Juventus, superate brillantemente le prove di Genova e Londra, si appresta ad affrontare tre settimane di passione. Da stasera al 7 ottobre, infatti, fra campionato e Champions League i bianconeri dovranno disputare sette gare ufficiali, in pratica una ogni tre giorni. Ecco perché mister Antonio Conte sembra seriamente intenzionato a continuare con il turnover varato domenica scorsa a Marassi.

Contro il Chievo potrebbero trovare una maglia da titolare Lucio, Isla, Pogba, Giaccherini e Quagliarella. Il difensore brasiliano, assorbito l’infortunio alla caviglia, potrebbe prendere il posto di uno fra Barzagli e Bonucci, mentre in mediana dovrebbero rifiatare Lichtsteiner, Vidal e soprattutto Pirlo. Il regista bresciano non sembra al top della condizione e potrebbe prendersi una pausa per ricaricare le batterie in vista del tour de force che attende i campioni d’Italia nei prossimi giorni. A far posto a Quagliarella, l’eroe di Stamford Bridge, dovrebbe essere invece Giovinco.

Il turno di questa settimana sembra consigliare questo tipo di scelte, visto che, sulla carta, il Chievo non pare in grado di impensierire più di tanto i ragazzi di Conte. L’esperienza dell’anno scorso, però, insegna che questo tipo di partite non vanno prese sotto gamba, anche perché quella veronese è stata una delle poche squadre ad uscire indenni dal doppio confronto con i bianconeri. Se a questo aggiungiamo che, con il passare del tempo, la voglia di mettere la parola fine all’imbattibilità in campionato della Juventus monta sempre di più, non si può che predicare attenzione nell’approccio alla sfida di stasera.

Al di là degli interpreti, i bianconeri dovrebbero scendere in campo con l’ormai collaudato 3-5-2. Questa la probabile formazione: Buffon; Lucio, Barzagli, Chiellini; Isla, Marchisio, Pogba, Giaccherini, Asamoah; Vucinic, Quagliarella.

Di Carlo sembra orientato a rispondere con il suo classico 4-3-1-2, con Vacek al posto dell’indisponibile Luciano, fermo ai box a causa di un infortunio muscolare: Sorrentino; Sardo, Dainelli, Cesar, Jokic; Vacek, L. Rigoni, Hetemaj; Cruzado; Thereau, Pellissier.

I clivensi si presentano a Torino con 3 punti in classifica. L’esordio vincente in campionato contro il Bologna è stato infatti seguito da due sconfitte, a Parma e in casa contro la Lazio. Ciò nonostante, come confermano le dichiarazioni rilasciate in settimana da Sorrentino, la squadra allenata da Di Carlo non sembra affatto rassegnata ad interpretare il ruolo della vittima sacrificale. Il Chievo scenderà in campo con lo spirito di chi sa di non avere nulla da perdere e, come capita praticamente tutte le settimane, tenterà di entrare nella storia espugnando lo Juventus Stadium.

Il match si preannuncia duro e combattuto, tuttavia, per evitare sgradite sorprese, basterà che i bianconeri scendano in campo con la stessa mentalità mostrata l’anno scorso e, seppur a corrente alternata, nelle prime uscite di questa stagione.

Advertisment