Menu Chiudi

Juventus-Lazio 4-1 Le pagelle

Cambia lo scenario, cambia la competizione, cambia (seppur minimamente) il risultato, ma resta invariata la differenza tra le due squadre, perchè la Juventus schianta di nuovo la Lazio, in una gara che ha avuto un minimo di storia solo quando Buffon ha commesso, ancora una volta, il solito errore. Il resto era già scritto.

Advertisment

Buffon: due buonissime parate prima dell’errore imperdonabile, e che aveva riaperto la gara. Uno della sua esperienza non lo deve fare, e non è la prima volta. Le altre parate non erano difficili. VOTO 5,5

Bonucci: leader ritrovato in questa gara, con due lanci fa due gol (Vidal e Vucinic). In difesa non soffre mai. VOTO 7

Barzagli: non al meglio della condizione, ma sempre puntuale e attento. VOTO 6,5

Chiellini: dalle sue parti non si passa, e molti lo sanno, uno su tutti Candreva che simula una manata in faccia. Rischia in qualche passaggio verso il centro del campo. VOTO 6,5

Pirlo: se devo trovare un difetto dico che Andrea non dà protezione alla difesa: e questo ha dato campo libero alla Lazio nei tiri da fuori. Candreva a volte lo marca a uomo, Hernanes lo salta facile. Il resto sono le sue giocate. VOTO 6

Vidal: due inserimenti, due gol. Oltre alla quantità in mezzo, oltre ai movimenti sincronizzati con Lichtsteiner, oltre agli scambi con Tevez. VOTO 8

Pogba: l’assist perfetto per l’uno a zero dimostra che le lezioni di Pirlo vengono assimilate sempre meglio. Due assist in due gol. Sombrero su Gonzalez. Ma poco attento ad accorciare su Hernanes in occasione del gol laziale. VOTO 7

Advertisment

Asamoah: dalle sue parti nessun problema, e lui ne approfitta per restare un pò più alto e creare problemi insieme a Pogba. VOTO 6,5

Lichtsteiner: al 30′ del secondo tempo continua a galoppare sulla fascia, nonostante una palla non precisa di Pirlo. Indistruttibile. VOTO 6,5

Vucinic: nel primo tempo la vede poco. Nel secondo apre col gol, e da lì si muove. Velo sul quarto gol. Mi è piaciuto molto quando ha attaccato la profondità, cosa che prima faceva di rado. VOTO 7

Tevez: la traversa, poi il gol fantastico con la sterzata fatale e il piatto preciso. Tanta roba. Che si aggiunge a ciò che ha fatto nel primo tempo: galoppata solitaria, lotta su ogni pallone, si muove e fa muovere gli altri. VOTO 7,5

Ogbonna: S.V.

Isla: S.V.

Quagliarella: S.V.

Per la rubrica “Bordocampo bianconero

Advertisment