Menu Chiudi

Juventus-Pescara 2-1 Più complicato del previsto

Se il Bayern ha visto la partita (come sospetto), allora dormirà serenamente. Una Juve che costruisce, costruisce, costruisce, crea, crea, crea e poi spreca, spreca, spreca. Due lampi di Vucinic regalano la vittoria, ma col brivido finale.

Advertisment

Imbarazzante dover arrivare al minuto 92 col cuore in gola perché non si sa mai cosa può accadere. Soprattutto alla luce delle occasioni create, alcune anche molto belle. Una Juve a due volti dove l’essere cinica non trova proprio posto. Una Juve strana, sulle gambe sul finale, molto lunga, troppo lunga. Per certi versi non sembra nemmeno la Juve di Conte.

Advertisment

Qualche uomo fuori fase, certo non Pogba. Sul ragazzo ci siamo espressi più e più volte e sarebbe banale sottolineare ancora una volta le potenzialità incredibili di questo francesino. Fantastico, un gigante per maturità tattica e qualità tecniche. Regia lucida e tranquilla, idee sempre molto interessanti. Proprietà di palleggio fuori dal comune con quel senso di estetica del dribbling che ha acceso alcune fasi della partita. Per lui un posto assicurato mercoledì sera, ma… non era il caso di risparmiargli qualche minuto?

I problemi bianconeri si chiamano “assenza di bomber” e “fasce mancanti”. Se Lichsteiner alterna discese stupende a giocate statiche, Asamoah non riesce più a ingranare. Imbarazzanti una serie di giocate senza capo né coda. Dell’avversario di turno non ricordo neanche il nome, fatto sta che Asa non è riuscito mai a passare. E non incide più di tanto. Difficile proporre uno così mercoledì sera. Il problema è che lì il ruolo è completamente scoperto: Peluso in pole position, quindi.

Serata di grazia per Pellizzoli: ha parato tutto quello che è passato per la sua area, con alcuni interventi miracolosi. Poi però Vucinic ha detto stop e Conte ha sottolineato cosa serve a questa Juve per svegliarsi. Schiaffoni, di quelli ben assestati. A calcio si gioca soprattutto con grinta dagli anni 2000 in poi. E la Juve tende a piacersi un po’ troppo e a faticare tanto. Che serva da lezione per mercoledì sera.

Advertisment