Se alla Juve togli un paio di uomini titolari, il livello generale scende drammaticamente. E non è tanto il periodo attuale, dove la squadra sta soffrendo a livello fisico e mentale, ma è una costante di questa stagione.

Advertisment

E sì che Conte l’aveva detto, arrabbiato come era per le cessioni di Giaccherini e Matri. Se Matri ha però permesso di rinforzare l’attacco, l’uscita di Giaccherini non è stata colmata da alcun ingresso importante. Tanto valeva puntare su un giovanotto.

Rispetto allo scorso anno, quando Marrone e Giaccherini permettevano una rotazione senza particolari patemi, la Juve di quest’anno poggia esclusivamente su Pirlo-Vidal-Pogba-Marchisio. Troppo pochi per turnare con efficacia.

Advertisment

Soprattutto, mancano alternative valide sulle fasce laterali dove Lichsteiner e Asamoah sono praticamente imprescindibili. Proprio la zona dove Conte non può rimanere a mani vuote. Qui bisognerà intervenire. Senza sperare di poter recuperare Pepe, da due anni fermo.

Basta avere due alternative valide per reparto. La difesa è quella, per esempio, messa meglio. E in effetti è il reparto dove non stiamo soffrendo, nonostante le defezioni. Viceversa, senza Tevez e Llorente siamo rovinati. E siamo rovinati dopo aver spompato Pogba, Asamoah e Lichsteiner (che pure corre ancora molto).

Ora serve stringere i denti. Fare leva su tutte le energie nervose per spremere ancora di più testa e gambe. Manca pochissimo al traguardo e sarà ancora più dolce. Più dolce degli altri anni.

Advertisment