Menu Chiudi

Juventus-Torino: Conte cambia modulo e sceglie… FORMAZIONI e GRAFICA

A poche ore dal fischio iniziale arrivano conferme su un probabile cambio di modulo in casa bianconera. Il 3-5-2 comincia a star stretto in casi in cui sugli esterni Conte non può contare su determinate prestazioni e allora dentro gente fresca e il modulo che l’anno scorso contribuì alla stagione fenomenale dei bianconeri.

Advertisment

In realtà il 3-5-2 verrà applicato, solo che la squadra applicherà una variante: in fase difensiva dovrebbe coprirsi con un 4-3-3 e in fase offensiva portare costantemente 5 uomini. Il Toro gioca molto bene, Ventura è un maestro, e quindi le fasce laterali vanno maggiormente protette nella zona arretrata. Ecco perché l’ipotesi di un Lichsteiner più sulla linea dei terzini appare sempre più probabile, col rientrante Chiellini sulla sinistra.

La novità è Giaccherini. Spostato sulla sinistra, in verità non dovrebbe sostituire pienamente Asamoah, ma appoggiare l’attacco trasformando il modulo in un vero 4-3-3, in modo da limitare le fasce del Toro e impegnare la difesa avversaria con 3 uomini costantemente in avanti.

Advertisment

Vucinic e Giovinco avranno una maglia da titolare. Fuori Quagliarella per ragioni puramente disciplinari (che io appoggio, nonostante Quagliarella sia il miglior attaccante per numeri).

Al posto di Vidal, a riposo per la delicata sfida contro Lucescu, ci sarà Pogba. Per il francese un test importante, in una posizione che Conte gli preferisce: l’intuizione ci sembra corretta, vedremo come il campo tradurrà questo pensiero di Conte.

Quattro punti in quattro gare: davvero un bottino misero per chi voleva ammazzare il campionato e c’era lo spazio per farlo. Ora bisogna ritrovare un certo tipo di ritmo, consapevoli che dalla prossima ci sarà un Antonio Conte in più.

Juventus-Torino: il 3-5-2 di partenza

Juventus-Torino: il 3-5-2 di partenza

Juventus-Torino: il 4-3-3 in pratica

Juventus-Torino: il 4-3-3 in pratica

Advertisment