Il nuovo modulo ideato da Conte nasce dalla necessitá di far giocare assieme tutti i centrocampisti centrali. Un po’ come il 4-5-1 dello scorso anno, oggi accade la stessa cosa: non si puó tenere fuori uno come Pogba, come non si poteva tenere fuori uno com Vidal.

Advertisment

Ma il cambio di modulo, con Vucinic nelle vesti di regista offensivo, anche per la scarsa vena di Pirlo, nasconde un indizio. Almeno cosí dicono alcuni esperti di juventininitá. Non é un mistero che la Juve un colpo lo fará. Conte lo lretende, Nedved si é mosso in prima persona per accontentarlo e giá si esposto con la stampa. Qualche pezzo pregiato arriverá. Ibra?

Advertisment

L’indizio sembra portare a un nome del genere. In realtá, l’indizio sembra portare a un giocatore del genere: alto, forte, con un grande senso del possesso palla, capace di fare reparto da solo e permettere l’inserimento dei centrocampisti goleador come nelle idee di Conte. Un Ibra, appunto. O se volete, un Vucinic piú efficace in zona gol.

Scandagliamo il mercato e cerchiamo di capire quali sono i giocatori in grado di fare il gioco di Ibra. Llorente é piú punta, ma paradossalmente Vucinic arretrerebbe nel posto di Marchisio e un centrocampista tornerebbe in panchina di partita in partita. Soluzione da non disdegnare. Benzema é un’altra cosa, cosí come Higuain é un altro tipo di giocatore. Cavani (imprendibile) é piú bomber, ma gioca molto bene con la squadra, mentre Sanchez é piú utile sugli esterni e meno per un gioco ragionato e meramente fisico. Suarez é una seconda punta che fa tanti gol, ma niente regia offensiva. Ergo resta Ibra. Che sta cercando casa a Milano. Considerando che all’Inter non tornerá perché Ibra non fa passi indietro di carriera, restano due piste: il Milan (con Balotelli e Il Faraone) e la Juve col 3-5-1-1!

Advertisment