Ma perché Conte non ripropone il 4-3-3 che tanto ci ha fatto divertire lo scorso anno? Pirlo, Marchisio e Vidal a centrocampo, Lichtsteiner e Chiellini come terzini fluidificanti, e tre attaccanti mobili, con gli esterni pronti a ripiegare per un 4-5-1 solidissimo. Già perché?

Advertisment

Perché manca Simone Pepe, una delle pedine più importanti lo scorso anno per Antonio Conte. Un jolly di una efficacia pazzesca, uno dal rendimento super. Sicuramente il miglior esterno del campionato.

La maledizione di Simone Pepe comincia in quell’inutile torneo estivo a luglio. Si spezzarono Pepe e Caceres. Solo che l’uruguaiano si rimise praticamente subito, mentre l’esterno ha finito la stagione.

Advertisment

Il rinnovo di qualche giorno sa tanto di risarcimento. Probabilmente lo staff medico della Juve ha sottovalutato o sbagliato, perfino, terapia. Ciononostante resta il fatto che Pepe non rientrerà prima del prossimo campionato. Una perdita gravissima che alla Juve sta costando tanto.

Speedy Pepe sulla fascia è un uomo fondamentale perché ha caratteristiche di corsa e di dribbling che nessun altro bianconero possiede. Ha pure segnato gol fondamentali, molto pesanti e comunque forniva assist preziosi, specialmente in fase di cross. Lichtsteiner non ha purtroppo la qualità offensiva di Pepe e Isla non si è ancora inserito né espresso le qualità che comunque possiede.

Ora una nuova ricaduta, sempre a quel flessore, sempre a quella coscia, hanno costretto Pepe a operarsi. Stagione finita, mai cominciata in realtà. Tanti auguri Simone. Ma quanto ci sei mancato? E quanto ci mancherai?

Advertisment