Menu Chiudi

Matri come Trezeguet? Perché la Juve dovrebbe riscattarlo!

Forum e blog, bar e opinionisti, tutti d’accordo nel constatare come il giocatore più positivo della Juventus 2010/2011 sia stato Alessandro Matri, giunto nel corso della sessione di mercato invernale. In soli 4 mesi ha scalato le gerarchie conquistando il consenso popolare. Largo consenso visto quello che si legge in giro sul Web.

Advertisment

In una intervista post Juve-Napoli, ultima giornata di campionato, Alejandro ha espresso il desiderio di potersi giocare le sue carte ancora alla Juve, cioè il desiderio di essere riscattato. Marotta a gennaio firmò un accordo di prestito con diritto di riscatto fissato a quota 15,5 milioni di euro. L’affare totale è stato stimato in 18 milioni di euro, cioè 2 milioni di euro per ogni gol messo a segno con la maglia bianconera.

Già perché al di là di semplici congetture e ragionamenti soggettivi, Alessandro Matri ha chiuso la stagione con un bottino di 20 reti, 11 col Cagliari e 9 con la Juve. Più 1 con la Nazionale di Prandelli il 29 marzo di quest’anno. Niente male per uno che di professione fa il bomber.

Tanto più che le 9 reti con la casacca della Juve sono arrivate a fronte di 16 presenze e in un contesto drammatico per le punte bianconere. Scarso gioco, poche occasioni create. Mi piace ricordare l’ultima partita di campionato. Matri rileva Toni a poco meno di un quarto d’ora dal termine della gara. Gli capita un pallone, solo un pallone e con questo Matri ci fa il 2-2.

Si dice che un attaccante che va in doppia cifra sia molto importante per una squadra. Ma un attaccante che riesce a chiudere con 20 gol e più oltre che importante è pure fondamentale. La domanda spontanea è perciò: cosa avrebbe potuto combinare la Juve con Quagliarella e Matri insieme? Perché è indubbio il fatto che il napoletano abbia tenuto in piedi una intera baracca coi suoi gol da settembre a dicembre, mentre l’ex-cagliaritano ha limitato i danni nel finale di stagione segnando gol pesantissimi.

Advertisment

Ha cominciato contro il suo Cagliari, al suo secondo gettone con la Juve. Doppietta, poi replicata contro il Cesena. Memorabile, per significato e contenuto, il gol che ha steso l’Atalanta di Milano a Torino. In generale Matri ha dimostrato di poter stare in area con molta disinvoltura, capace pure di manovrare con estrema classe.

E’ dotato di un fisico molto elastico, potente, ma agile. Ottimo nell’uno contro uno potrebbe rivelarsi prezioso per il gioco di Antonio Conte.

Torniamo perciò a quella famosa domanda, meglio al suo desiderio. E ribaltiamola: perché Matri non deve essere riscattato?

Ecco, io una risposta non l’ho trovata.

Anzi, ho trovato, semmai, una ulteriore conferma. Negli ultimi 20 anni uno dei bomber più incredibili ad aver vestito la maglia della Juve è stato sicuramente David Trezeguet. Con la Juve 320 presenze e 171 reti. Poco più di 17 gol a stagione. Miglior marcatore straniero della Juve. Al suo primo anno David firmò 14 reti, a fronte di 25 presenze in campionato con Ancelotti in panchina. Il conto indica una media di 0,56 gol a partita. Bene, sempre giocando coi numeri, e che siano di buon auspicio, Alessandro Matri ne ha fatti 9 in 16 presenze, cioè ha tenuto una media di 0,57 gol a partita.

Buona trattativa!

Advertisment