Mentre Iturbe twitta un messaggio che potrebbe apparire come una sorta di conto alla rovescia per la firma di un nuovo contratto, l’interrogativo che tutti si stanno ponendo è: andrà veramente alla Juve? E vale, nel caso, tutti quei soldi?

Advertisment

Andiamo con ordine.

Speedy Iturbe è un giocatore che può tornare utile allo schema d’attacco di Antonio Conte. Non è Sanchez: non ne ha l’esperienza e sta maturando soltanto adesso. Ha le caratteristiche naturali del cileno: scatto breve, velocità, resistenza, capacità nel dribbling. L’impossibilità di arrivare a Sanchez ha spinto Marotta ad avanzare una ricca offerta al Verona.

Advertisment

Qui sta un primo punto interrogativo: vale davvero 30 milioni di euro? Vale a dire: una ventina cash più il cartellino di Quagliarella?

La risposta purtroppo è nei 15 milioni di euro pagati dal Verona. Vorranno marginare, vorranno di sicuro speculare il più possibile, magari aprendo un’asta. L’avversaria in questa asta sarebbe il Milan. Che non ha certo 30 milioni di euro visto il bilancio. Non ha certo l’appeal di questa Juve. Marotta è stato chiaro: oltre l’ultima offerta (pare di 21 milioni più Quagliarella) non si andrà. Prendere o lasciare.

Ufficializzato intanto Coman, la Juve prova a pressare sul fronte Morata. Il gioiellino del Real Madrid piace a Conte. Problema: il Real vorrebbe mantenere la clausola di possesso. Detto diversamente: te lo prendi, poi fra un anno decido se controriscattarlo a una cifra prestabilita. La Juve diventerebbe un satellite del Real: ne va dell’immagine. A queste condizioni io mollerei.

Più che altro, il campanello d’allarme è in difesa dove Barzagli subisce per l’ennesima volta i traumi della Nazionale. Fuori fino a ottobre, con precarie condizioni fino a dicembre se il problema persiste e l’operazione non riuscirà completamente a risolverlo. Morale: si torna sul mercato. Alla caccia di un difensore centrale. Conte ha individuato Ranocchia, ma trattare con quelli là è praticamente operazione impossibile. Andremo all’estero, perché Paletta, titolare nell’esordio mondiale proprio accanto a Barzagli, proprio non si può…

Advertisment