Menu Chiudi

MOGGI alla Juve. Operativo da oggi.

Non è uno scherzo. Non è una battuta. È una richiesta ad Andrea Agnelli.

Advertisment

Moggi sia richiamato alla Juve. Da oggi. Senza perdere tempo.

Nei limiti di ciò che ci concede la legge sportiva. Ma proprio nei limiti, visto che la Giustizia sportiva può anche modificarsi il nome in Giustizia anti-juventina.

Caro Presidente, Moggi era un uomo fidato di suo padre. Ha fatto tutto e di più per la Juventus. È ora che lei lo richiami al suo fianco. Come consigliere tecnico personale. Ovviamente non al libro paga della Juventus. Palazzi  non starebbe nella pelle dal gusto di denunciarci.

Tutto nei limiti della legge. Moggi è un cittadino rispettabilissimo che, seppur radiato dalla FIGC, può intrattenere rapporti amichevoli con chiunque e consigliare, in amicizia, chiunque. Senza ruoli ufficiali.

Io non proverei nessun imbarazzo a vederla parlare con il nostro Luciano. Anzi ne sarei felicissimo. E con me milioni di tifosi juventini.

Advertisment

Se Gaucci, pur squalificato, seguitava ad essere il padrone ed a comandare a Perugia; se Preziosi, pur squalificato, ha seguitato ad avere rapporti con mezza serie A; non si capisce perché noi si debba rinunciare a Moggi che, sono certo, per lei e per la Juventus lavorerebbe gratis.

E non bisogna perdere altro tempo. Paratici va benissimo, soprattutto per scoprire i giovanissimi talenti. Marotta va bene per le operazioni “normali”. Ha però dimostrato che per le missioni impossibili punta, o dice di puntare, molto in alto per poi ripiegare su quarte o quinte scelte. Non è ammissibile che a Conte venga dato un giorno di tempo per “studiarsi “ Bendtner e dare l’assenso. Non è cosa da Juventus.

Moggi sarebbe un appoggio esterno. Operativo per le missioni impossibili.

Ma Umberto non gli disse “mi faccia vincere senza spendere un soldo” ? Una missione impossibile, perfettamente riuscita. E la situazione del mercato attuale europeo è praticamente impossibile per la Juventus e per Marotta. Serve Luciano.

E che nessuno si offenda. Nessuno faccia il Briamonte della situazione. Se a qualcuno no sta bene, via dalla Juventus.

Certo Elkann non può andare via. Ed è lui che di fatto ha fatto fuori Moggi prima ancora che intervenisse  la Giustizia sportiva . Ci parli lei con suo cugino e lo convinca. Moggi era uomo di fiducia anche del nonno di Elkann. Non può scordarlo.

Chiunque condivida questa idea “pazza” arrivata sull’onda dell’acquisto del buon Bendtner, mandi un commento. Più saremo, più avremo peso presso il Presidente. Ma dobbiamo essere tanti.

Advertisment