Menu Chiudi

Mondonico, patente di onestà e nuova Wanna Marchi della tattica

Chissà perché in Italia esiste una brutta abitudine: in TV e sui giornali hanno più diritto a parlare le Wanna Marchi di ogni settore. Politica o calcio, economia o letteratura, non trovi mai i veri esperti del settore, ma solo i marchettari che per motivi molto lontani dalla meritocrazia trovano il loro spazio e la loro paghetta. Non fa eccezione Mondonico.

Advertisment

Cremonese, Como, Atalanta, Torino, Fiorentina, Napoli, Cosenza, Albinoleffe, Novara: queste le squadre allenate. Nel palmares solo una Coppa Italia nel lontano 1993 e qualche campionato di B. Certo molto meglio di Zeman, ma non giustifica la qualifica di esperto. Ci fa piacere rivederlo arzillo e vivo dopo quanto accadutogli dal punto di vista della salute, ma questo è un altro discorso.

Alla Domenica Sportiva sta collezionando una serie di figuracce mostruosa. Dal litigio con Stramaccioni (colpa divisa a metà) alle previsioni tattiche completamente lontane dalla realtà. Ha un’ossessione Mondonico: l’uomo su Pirlo. Cosmi? “Metterà un uomo su Pirlo e così bloccherà la Juve”. Pioli? “Metterà sicuramente un uomo su Pirlo cercando di bloccare il gioco di Conte”. E via così. Strani questi tecnici italiani che non riescono a trovare contromisure per bloccare la Juve.

Ma sai chissenefrega dell’opinione di Mondonico. Quando parla di Juve bisogna stare attenti: lui cuore granata, con un passato viola e una passione per l’Inter… è perfetto per parlare di Juve o straparlare per meglio dire.

Il problema invece lo percepisco quando Mondonico rilascia questa dichiarazione:

Advertisment

La Juventus sta pagando l’assenza di Conte, ma appena l’allenatore rientrerà dalla squalifica tornerà ad essere quell’armata schiacciasassi dell’anno scorso.

Ci sono due problemi in questa frase. Uno di ordine oggettivo, uno di ordine educativo. Cominciamo dal primo.

La Juve è ancora più schiacciasassi rispetto allo scorso anno, non fosse altro che basterebbe leggere i punti in classifica, il numero di gol fatti e il numero di gol subiti e il fatto di aver già incamerato un trofeo.

Arriviamo al discorso Conte. Il migliore tecnico d’Italia è squalificato e sta pagando a carissimo prezzo l’imbattibilità in campo. E’ stato squalificato per la partita Albinoleffe-Siena e la motivazione è che “non poteva non sapere”. Cosa? Dell’Albinoleffe il tecnico era proprio Mondonico: lui a Processo non c’è mai andato. Troppo forte la sua vicinanza ai colori nerazzurri per entrare in un’aula di Tribunale.

Ora, il fatto che dica che la Juve sta pagando l’assenza di Conte mi dà i nervi: stia muto, stia zitto, straparli di tattiche che non conosce, parli della Fiorentina o del Torino, ma non tocchi la Juve: ammiri soltanto e se può… prenda appunti da Conte. Non è mai troppo tardi per imparare.

Advertisment