Punto primo: se non fosse una bufala sarei il primo a esserne contento.

Advertisment

Punto secondo: oggi c’erano pochi argomenti da trattare e il solito giornale si è scatenato.

Punto terzo: si avvicina il calciomercato invernale e quindi ogni tanto fa bene sparare il titolo.

Advertisment

Ma l’affare Dzeko è una bufala bella e buona. Che abbia chiamato Barzagli ci credo, che gli abbia chiesto notizie sulla Juve è possibile, ma che la Juve abbia chiesto notizie su Dzeko… beh questo è semplicemente impossibile.

I motivi sono diversi:

  1. Dzeko è stato pagato una montagna di soldi. La Juve non ha montagne e nemmeno colline, deve assolutamente ragionare in economia e il colpo grosso lo farà a giugno. Sarà comunque un colpo inferiore ai 25 milioni di euro, a meno di clamorose cessioni;
  2. Dzeko ha un ingaggio altissimo e le casse della Juve non possono sopportarlo;
  3. il ManCity non ha nessuna intenzione di vendere Dzeko in quanto è il centravanti perfetto nei moduli di Mancini. Balotelli come prima punta non convince, Aguero è praticamente il partner ideale del bosniaco e non certo il sostituto.

Esiste una sola possibilità che Dzeko lasci il ManCity ed è rappresentata dal mercato di gennaio. Mancini, come al solito, insegue quei 70 attaccanti che possono fargli sempre comodo, ma è prevista la partenza di Tevez. A quel punto il ManCity potrebbe davvero puntare forte su una punta: si mormora Pato, si mormora Higuain, non credo assolutamente Cavani. Insomma, dovesse arrivare un nome di primissimo livello tale da insidiare Dzeko nelle gerarchie di Mancini, allora il bosniaco potrebbe davvero chiedere di essere ceduto. Ma rimarrebbe, in questa remota ipotesi, il problema del costo del cartellino.

Certo sarebbe facile se il bosniaco si impuntasse, litigasse con Mancini, rinunciasse a chiedere scusa in pubblico, poi mandasse il suo agente a Torino per contrattare, e poi Marotta… ops!

Advertisment