Menu Chiudi

Pogba, il falso nero

Alla fine si é rischiato di dire che Pogba “é un falso di colore” pur di non approfondire la questione razzista. Posto che l’accusa andrebbe confermata, perché nemmeno io mi sento di dare per scontato quanto dice Pogba, é vero pure che le targhe alterne dei media sono insopportabili.

Advertisment

Da Boateng il paladino dei neri ai cori dei tifosi razzisti bianconeri. Silenzio sui cori contro i carabinieri dei milanisti e perfino i cori contro Zanetti Xavier che si era rotto nel pomeriggio. Tutto nell’ordinaria follia di questo Paese.

Advertisment

Col divertente intermezzo della supermoviola che riesce sí ad appurare che forse era rigore sull’attaccante del Torino, dimenticandosi peró di segnalare il fuorigioco dello stesso attaccante granata. “Un rigore peró é piú pesante del fuorigioco” e cosí si risolve la questione a favore dell’antijuventinitá.

Da parte nostra i migliori auguri a Zanetti. Anche se ció non giustifica il vuoto tentativo, l’ennesimo, di Stramaccioni di gridare a una qualche forma di complotto medico-politico. La sua Inter é fuori dal calcio che conta per demeriti propri, perché non ha un gioco, perché continua a segnare rosso sul bilancio da 20 anni senza che nessuno interviene in merito, perché non ha elementi all’altezza per competere. Il complotto, qualora esistesse, dovrebbe riguardare un tizio catapultato nel ruolo di secondo Mourinho senza che nessuno sapesse provenienza e curriculum. Cosí, caro Strama, ecco il piú importante degli insegnamenti: bisogna saper perdere.

Advertisment