Menu Chiudi

Processo di Napoli: le cazzate che non ti aspetti

Torno adesso da una giornata faticosa e lunga. Partito da casa alle ore 8:30 e rientrato alle ore 7:50. Doccia calda e cenetta. Un giro sui blog, un altro giro sui blog tecnici e poi la solita scorpacciata. Non credevo però di leggere così tante cazzate. In particolare noto che hanno già smontato il caso. Si sta svolgendo un processo a Napoli che costa tempo e denaro, mentre qualche buontempone ha già dato il verdetto. A che serve continuare allora?

Advertisment

Advertisment

Il verdetto si basa su queste cosette qui, che definire concetti mi sembra davvero ridicolo:

  1. Facchetti, Moratti e Galliani telefonavano e organizzavano incontri segreti (parcheggi sotto casa, ristoranti, bar all’ora di chiusura e via dicendo): non è rilevante!
  2. Facchetti, Moratti e Galliani telefonavano per condizionare/dettare/discutere delle griglie: stessi discorsi di Moggi che in molte occasioni è arrivato terzo alle notizie di giornata: non è rilevante, anzi le telefonate di Moggi sono sempre considerate penalmente rilevanti, quelle degli altri no!
  3. Facchetti e Moratti e Tronchetti organizzano, da tempo immemore, pedinamenti e intercettano regolarmente. Moggi lo capisce molti anni prima del 2006 perché gli scappano, a suo dire, ottime trattative ritenute segrete. Come solo lui sapeva fare. Da lì la scelta di affidare schede-on-demand a chi di dovere. Reato, incontestabile: che cazzo dava schede pure a designatori e altri personaggi? Questo lo dico io e qui Moggi e la Juve dovevano pagare. Ma per i primi tre non c’è nulla di rilevante. Tutto normale, come quando Tronchetto-della-Felicità faceva spiare la Vodafone.
  4. Facchetti e Moratti e Galliani e Meani ordinano di tirare su le bandierine, di mandare questo o quell’arbitro e Bergamo si dispiace per le sconfitte delle squadre di Milano. “Un colpo al cuore”, “ho sudato”, “ce la faremo”, “su coraggio”. Ma non è rilevante.

Questi sono quattro punti su cui la stampa domani insisterà. A voi le conclusioni. Intanto il PM ha acquisito 75 telefonate e ha richiesto un CD con oltre 3000 intercettazioni. Questo mentre Auricchio inanella una serie impressionante di figure di merda incalzato da Trofino. In tutto ciò la Juve di Elkan e Blanc è assente. Incredibilmente assente. Se per levarci dalle scatole questi due truffatori c’è bisogno di uno scossone molto triste, allora Forza Palermo da qui fino alla fine del campionato. E Forza Napoli e forza Sampdoria. Forza tutti. Meno che una squadra, ci mancherebbe!!!

Advertisment