Menu Chiudi

Quale coppia d’attacco contro il Milan? Sceglila tu!

Manca poco e si torna in campo. All’andata Conte schierò un 4-5-1, il modulo che ha stupito tutti nella prima parte di stagione. In Coppa Italia andò in scena la Juventus B con Del Piero alle spalle di Borriello. Risultato: Milan distrutto in entrambi le occasioni, e sempre con una doppietta. Marchisio, poi Caceres all’esordio nella formazione di Conte.

Advertisment

E sabato? Eh già, intanto di acqua sotto i ponti ne è passata. La fortuna di Mister Conte è aver recuperato Simone Pepe, il grimaldello che ha permesso di sbloccare tante difficili situazioni.

In buona forma Fabio Quagliarella, l’uomo che più di tutti può darci una mano in questo finale di stagione. Mentalmente appare completamente recuperato, fisicamente è in ottimo stato, manca forse il ritmo della partita, dove per “ritmo” si intende quello che solo un attaccante può intendere. C’è qualcuno fra voi che potrebbe spiegare questo assunto?

Nelle gerarchie del tecnico leccese Vucinic è intoccabile. La classe cristallina del montenegrino fa però a pugni col suo score: appena 3 gol. Considerando che Lichtsteiner e Chiellini, perfino Caceres, sono a quota 2… ecco il dato si fa preoccupante. Fin qui la Juve ha sopperito alla sterilità degli attaccanti mandando in gol i centrocampisti e i difensori, ma questo deve essere un valore aggiunto, non certo una costante. Si attende perciò una prova molto concreta da parte del numero 14 bianconero.

Matri è stato tenuto a riposo col Catania e certamente avrà una maglia da titolare. Buona media, forse poteva fare qualcosa di più, ma i 9 gol non sono in discussione. A fronte di 21 partite, con la mole di lavoro svolto per la squadra, non sono pochi. Serve appunto qualcuno che lo affianchi.

Advertisment

Alessandro Del Piero paga forse il problema di adattarsi poco alle idee di Conte, squisitamente sul piano fisico. Non può garantire gli strappi da 30 metri dei vari Vucinic e Matri e Quagliarella, né l’immane lavoro di sportellate cui sono chiamati i tre uomini prima citati. Però la classe è classe: forse potrebbe tornare utile nel secondo tempo, da seconda punta, da regista d’attacco e poi Alex sa metterla dentro. In quest’anno ha giocato solo spezzoni di match, briciole di minuti qua e la. Resta un jolly, uno la cui personalità è talmente devastante…

Borriello è invece un pensiero malefico che gira in testa: vuoi vedere che può sbloccarsi proprio contro il Milan, proprio a San Siro? Sarebbe grandioso, sarebbe lo schiaffo più bello da dare. Ci sarà spazio per lui?

A oggi credo che i tre che giocheranno sicuramente saranno Vucinic, Matri, Quagliarella, in questo preciso ordine a seguire le idee di Conte. La mia preferenza va ai due italiani perché mi ricordo i loro dialoghi nelle prime uscite di luglio e perché credo che si compensino incredibilmente bene a vicenda, con Vucinic che potrebbe partire largo in una sorta di 4-3-3. Modulo attuabile solo se Vidal e Marchisio stanno bene, e finora hanno dimostrato di non esserlo.

Secondo me la chiave è proprio qui, a centrocampo. Se Pirlo, Marchisio e Vidal sapranno vincere la sfida a distanza coi rispettivi avversari la Juve ha più carte da giocarsi per la vittoria, viceversa bisognerà stare attenti a non farli entrare in area: il rigore è in agguato…!

Tocca a te: chi in attacco contro il Milan?

[poll id="15"]

Advertisment